rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024

Isis, la Russia lancia l'allarme: "Possono produrre armi chimiche"

I miliziani del Califfato islamico hanno preso possesso delle tecnologie per produrre armi chimiche: "Registrati esempi del loro uso in Siria e in Iraq"

I jihadisti dell'Isis hanno preso possesso delle tecnologie per produrre armi chimiche.

A sostenerlo, citato dall'agenzia di stampa russa Tass, è il capo del dipartimento per la non proliferazione delle armi del ministero degli Esteri di Mosca, Mikhail Ulianov, secondo il quale "sono stati registrati molti esempi di uso di armi chimiche in Siria e in Iraq da parte di miliziani dell'Isis". "Nel caso dell'Isis - ha proseguito Ulianov - non si tratta solo dell'uso di cloro a scopi militari, cosa di cui è di solito accusata Damasco, sebbene non ci siano ancora prove". 

Secondo l'alto funzionario del ministero degli Esteri russo, "ci sono prove contro l'Isis sull'uso di vere armi chimiche, la cui produzione richiede l'uso di tecnologie piuttosto complesse". Il direttore del dipartimento per la non proliferazione delle armi del ministero degli Esteri russo ha aggiunto che la Russia ha distrutto finora "quasi il 92%" delle proprie scorte di armi chimiche accumulate sin dall'epoca sovietica" e che intende completare l'eliminazione di queste armi dai propri arsenali "non più tardi del 2020".

Ecco chi combatte l'Isis ogni giorno | Infophoto

Non ci sono foto disponibili.

Fonte: Rainews →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Isis, la Russia lancia l'allarme: "Possono produrre armi chimiche"

Today è in caricamento