Martedì, 15 Giugno 2021

Isis, allerta nei porti italiani: "Possibili attacchi via mare"

Secondo il Viminale tra gli obiettivi sensibili ci sono i porti di Ancona, Bari e Brindisi

Dopo il venerdì nero del terrore, l'allerta per possibili attentati di matrice jihadista è massima anche in Italia. Secondo Il Messaggero, il Viminale teme in modo particolare un attacco via mare: è qui, infatti, che i terroristi approdano per infiltrarsi in Italia e colpire le principali città europee.

Tra gli obiettivi sensibili figurano i porti del mare Adriatico, in particolar modo quelli di Ancona, Bari e Brindisi, da mesi punto di partenza dei foreign fighter che vogliono raggiungere la Siria per arruolarsi nello Stato Islamico. Colpa anche delle turbolenze che attraversano i Paesi balcanici.

"La regione balcanica - spiega una fonte del Viminale al quotidiano romano - è nodale per il radicalismo di matrice islamica, soprattutto per l'attivismo incessante di soggetti e di gruppi estremisti di orientamento salafita, sempre più coinvolti nel reclutamento e nel trasferimento di jihadisti in territorio siriano e iracheno". 

La situazione sembra essere critica soprattutto in Kosovo. Qui, spiega il Ministero, "l'idea del jihad sembra prendere piede soprattutto piede soprattutto in alcune aree meridionali del Paese, dove il diffuso disagio socio-economico accentua la permeabilità, specie tra i più giovani, all'azione di proselitismo di impronta salafita".

Secondo una fonte dell'intelligence britannica, inoltre, la furia jihadista potrebbe anche colpire in mare aperto, con missioni suicide contro mercantili o navi militari.  

Fonte: Il Messaggero →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Isis, allerta nei porti italiani: "Possibili attacchi via mare"

Today è in caricamento