Mercoledì, 22 Settembre 2021

Israele apre indagini sulla condotta dei suoi militari nel conflitto di Gaza

Le indagini riguardano i fatti più controversi dell'operazione militare contro Hamas

Il procuratore capo militare israeliano Dani Efron ha ordinato all'unità investigativa dell'esercito l'apertura di indagini sullo svolgimento del conflitto armato nella Striscia di Gaza. Si tratta di 99 indagini, tra le quali 4 investigazioni sulla condotta dei militari di Tsahal.

Le indagini, tra gli altri casi, riguardano il bombardamento di una spiaggia nel quale morirono quattro bambini palestinesi, il raid sulla scuola delle Nazioni Unite a Beit Hanun, il caso di un 17enne arrestato dall'esercito nella regione che, secondo le denunce, fu poi usato dai soldati come scudo umano, il caso di una donna palestinese uccisa dalle truppe israeliane nonostante la sua uscita dalla zona fosse stata concordata con i militari e un episodio di furto che vedrebbe coninvolto un soldato.

Un atto non inusuale per lo stato ebraico che, al termine di operazioni militari o casi controversi, è solito indagare per preservare la moralità del proprio esercito e punire errori e ed eventuali crimini da parte delle proprie forze armate.

I media riportano invece l'assenza di simili atti da parte di Hamas. Del resto l'obiettivo dichiarato dell'organizzazione è quello di terrorizzare la popolazione israeliana e di colpire quanti più civili possibile sia attraverso il lancio di razzi che attraverso gli attentati. E l'assenza di ogni separazione tra potere politico e giudiziario che vige nella Striscia di Gaza renderebbe impossibile qualsivoglia tentativo del genere.

Fonte: Jerusalem Post →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Israele apre indagini sulla condotta dei suoi militari nel conflitto di Gaza

Today è in caricamento