rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022

In Italia ci si droga meno, ma sempre più cannabis tra gli studenti

Presentati in Parlamento i dati della Relazione 2012 sullo stato delle tossicodipendenze in Italia

In Italia cala il consumo di droga, ma tra gli studenti si registra un aumento dell'uso di cannabis. E' quanto rivela la Relazione 2012 sullo stato delle tossicodipendenze in Italia, consegnata al Parlamento e curata dal Dipartimento per le Politiche Antidroga.

Per "i soggetti con età 15- 19 anni sono infatti un calo i consumi nella popolazione studentesca per cocaina, allucinogeni ed eroina", ma si registra anche "una lieve tendenza all'aumento per la cannabis", e una "ripresa dei consumi per gli stimolanti (ecstasy e amfetamine)".

Il ministro per la Cooperazione internazionale e l'Integrazione Andrea Riccardi, nell'introduzione alla relazione, sottolinea: "E' vero che il dato sui consumi di sostanze stupefacenti indica che la tendenza alla contrazione, in atto ormai da alcuni anni, può ritenersi sostanzialmente confermata. E' altrettanto vero, però, che questa tendenza, oltre a presentare, in generale, un'intensità minore rispetto a quella riscontrata nel 2010, si manifesta in modo differente in relazione al tipo di sostanza e alle diverse aree del territorio nazionale".

In Italia sono oltre 2 milioni e 300mila i consumatori di droga. Le persone che hanno dichiarato di aver usato stupefacenti almeno una volta negli ultimi 30 giorni sono risultate rispettivamente: 0,08% per l'eroina (0,17% nel 2010), 0,29% per la cocaina (0,43% nel 2010), 1,82% per la cannabis (3,00% nel 2010), per gli stimolanti (amfetamine, ecstasy) 0,04%,(0,15% nel 2010), per gli allucinogeni 0,05% (0,10% nel 2010).

Nella relazione si può leggere che "l'analisi generale dell'andamento del numero dei consumatori di sostanze stupefacenti negli ultimi 12 mesi, riferiti alla popolazione nazionale 15-64 anni, conferma la tendenza alla contrazione del numero dei soggetti, già osservata nel 2010 per tutte le sostanze considerate, anche se con intensita minore rispetto al decremento riscontrato nel 2010".

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Italia ci si droga meno, ma sempre più cannabis tra gli studenti

Today è in caricamento