Mercoledì, 28 Luglio 2021

Ha scoperto una proteina che batte i tumori, ma Gaia dovrà andare all'estero

Si chiama Gaia Fabrizio, è una biologa di 28 anni e con il suo dottorato di ricerca ha scoperto il funzionamento di una proteina che cura tumori e malattie degenerative. Ma adesso dovrà trasferirsi

Ventotto anni, la passione per la ricerca e un dottorato all'istituto Mario Negri sud, con cui ha scoperto il funzionamento di una proteina che cura tumori e malattie degenerative. Gaia Fabrizio è di Vasto e ha battuto la comunità scientifica internazionale, che da anni cercava di capire il funzionamento della GRP78. 

Merito della sua passione per la ricerca, di un talento innato per lo studio e, ammette lei, anche di un pizzico di fortuna. Ma se, fra tanti cervelli in fuga, Gaia Fabrizio è fra i pochi che, almeno per qualche anno, possono restare in Italia, c’è il rischio che a breve anche lei debba fare le valigie e unirsi ai tanti talenti italiani e abruzzesi obbligati a scappare all’estero per poter fare ricerca al meglio delle possibilità. Senza contare che, se uno sponsor privato non avesse dato un contributo notevole, sarebbe rimasta fra i tanti scienziati in cerca di uno spazio o costretti a ripiegare su un’attività alternativa:

Non so nemmeno se riuscirò a finire qui il mio dottorato, ma vorrei restare in Italia e in Abruzzo, perché il mio laboratorio è questo e la ricerca mi piace
L’istituto Mario Negri sud si trova in uno stato di grave crisi con 8 milioni di debiti: a breve il prefetto dovrà nominare un commissario che decida le sorti dei 100 dipendenti, senza stipendio da oltre un anno.

Fonte: ChietiToday →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ha scoperto una proteina che batte i tumori, ma Gaia dovrà andare all'estero

Today è in caricamento