Lunedì, 15 Luglio 2024

Il lavoro che non c'è: gli italiani sono i più scoraggiati d'Europa

Il rapporto della Commissione europea su occupazione e situazione sociale non ci fa sorridere: siamo i primi a rinunciare a cercare lavoro

ROMA - Abbiamo la maglia nera in Europa. L'Italia, secondo l'ultimo rapporto trimestrale della Commissione Ue su occupazione e situazione sociale, è il Paese con il più alto numero di lavoratori scoraggiati e con il tasso di attività più basso. Si tratta dei cosiddetti "neet" (neither employed nor in education), giovani tra i 20 e i 24 anni che non sono occupati nel lavoro, né in attività di studio o di formazione.

Per Bruxelles l'Italia è anche tra i Paesi dove la disoccupazione giovanile e quella a lungo termine salgono più che nel resto d'Europa, e dove le entrate delle famiglie continuano a scendere.

"L'Italia è ancora il Paese con il più elevato tasso di lavoratori scoraggiati e l'evoluzione recente non è incoraggiante: 12,8% nel primo trimestre 2014, un punto percentuale in più rispetto al primo trimestre 2013", si legge nel rapporto. Non solo lavoratori scoraggiati: "Tra i grandi Stati membri, le entrate delle famiglie continuano ad aumentare in Germania e Regno Unito, mentre scendono in Italia, Polonia e Spagna", avverte Bruxelles prima di affrontare la piaga occuazione.

Fonte: Rainews →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il lavoro che non c'è: gli italiani sono i più scoraggiati d'Europa
Today è in caricamento