Sabato, 10 Aprile 2021

Keytruda, il nuovo farmaco che 'scioglie' il cancro ai polmoni

Portata a termine "con successo" la sperimentazione in Australia del farmaco Keytruda, già usato per il trattamento del melanoma: "Permetterà di vivere più a lungo e meglio, liberi dagli effetti della chemio"

Paziente in cura con il Keytruda (Foto James Borchuck/Tampa Bay Times/ZUMA Wire)

SYDNEY (AUSTRALIA) - Curare il cancro ai polmoni senza chemio: presto quello che da decenni è considerato un miraggio potrebbe essere realtà. Merito di un rivoluzionario farmaco sperimentato con successo in Australia che - racconta l'Ansa -  "discioglie il cancro ai polmoni senza dover ricorrere alla chemioterapia". 

Il farmaco Keytruda, già usato per il trattamento del melanoma, un tumore della pelle per lo più causato dall'esposizione ai raggi solari, permetterà ai pazienti di cancro ai polmoni di vivere più a lungo e meglio, liberi dagli effetti debilitanti della chemioterapia.

Così la responsabile della ricerca, l'oncologa Rina Hui, ha presentato i risultati delle sperimentazioni cliniche nel Westmead Hospital di Sydney.

Il farmaco antitumorale, che contiene il principio attivo pembrolizumab, letteralmente 'discioglie' le cellule cancerose nei polmoni. "Possiamo segnare una svolta nella maniera di trattare il cancro ai polmoni, il più letale al mondo", ha aggiunto. "Possiamo veramente dare nuove speranze a questi pazienti". 

Nella sperimentazione, dopo 12 mesi il farmaco ha fermato la diffusione del cancro ai polmoni in quasi metà dei pazienti, dimostrandosi tre volte più efficace della chemioterapia. 

Questo farmaco ha dimostrato che dei pazienti di cancro ai polmoni allo stadio quattro e con un marker specifico, hanno una probabilità del 70 percento di vivere oltre 12 mesi senza bisogno di trattamento di chemioterapia.

Fonte: Ansa Salute e Benessere →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Keytruda, il nuovo farmaco che 'scioglie' il cancro ai polmoni

Today è in caricamento