Venerdì, 14 Maggio 2021
Autodenuncia / Stati Uniti d'America

Laura Italiano, la giornalista che si è dimessa perché "costretta a scrivere una fake news"

La reporter del tabloid statunitense New York Post ha annunciato la proprie dimissioni in un tweet spiegando di essere stata costretta a scrivere la falsa storia sul libro della vicepresidente Usa Kamala Harris donato ai bambini migranti, ripresa e rilanciata dai media conservatori

Lo scorso 23 aprile il tabloid statunitense New York Post, di proprietà del gruppo del magnate Rupert Murdoch, ha pubblicato una storia secondo cui a Long Beach ad alcuni bambini emigrati negli Stati Uniti era stata donata una copia del libro illustrato "I super eroi sono ovunque", scritto nel 2019 dalla vicepresidente Kamala Harris, all'interno di una sorta di kit di benvenuto. Una bufala, una fake news, che però è stata ripubblicata e ripresa per giorni da numerosi media conservatori fra cui Fox News, sempre di proprietà della News Corp di Murdoch (tanto che uno dei suoi reporter è arrivato a chiedere informazioni in merito durante una conferenza stampa alla Casa Bianca alla portavoce Jen Psaki), e amplificata dalle dichiarazioni di diversi esponenti del partito repubblicano.

È finita che l'autrice di quell'articolo, la giornalista Laura Italiano, ha annunciato su Twitter le sue dimissioni, affermando di essere stata costretta a scrivere quella storia falsa e ammettendo di non essere stata in grado di opporsi a questa direttiva.

La giornalista che si è dimessa dopo esserse stata "costretta a scrivere una fake news"

"Oggi ho presentato le mie dimissioni ai miei superiori del New York Post. La storia di Kamala Harris – una storia sbagliata che mi è stato ordinato di scrivere e contro cui non sono riuscita a impormi abbastanza  - è stato il mio punto di rottura. È stato un privilegio scrivere della città di New York per il suo tabloid più vivace e irriverente, un giornale pieno di reporter e giornalisti che ammiro profondamente e che ritengo miei amici. Mi dispiace andarmene", ha scritto Italiano.

laura italiano fake news twitter-2

Il tweet di Italiano è arrivato dopo che il caso della falsa notizia sul libro di Kamala Harris era letteralmente crollata sotto i colpi del fact-checking del Washington Post, che aveva ricostruito la vicenda e riportato la versione di un portavoce della città di Long Beach.

La storia uscita sul New York Post si basava su una fotografia, una sola, scattata in una struttura per l'immigrazione temporanea nella quale si vedeva il libro "incriminato". Quella singola copia di "I supereroi sono ovunque" era stata donata da un membro della comunità nell'ambito di un'iniziativa civica per regalare libri e giocattoli ai piccoli migranti: non era stato acquistato né dal Dipartimento per la salute e i servizi umani né dal Comune, era solo uno delle centinaia di libri che erano stati donati, ha spiegato il portavoce al Washington Post. Una volta montata la polemica, il New York Post ha prima rimosso gli articoli poi li ha ripubblicati, specificando con una nota della redazione che "la versione originale di questo articolo diceva che i bambini migranti avevano ricevuto il libro di Harris in un kit di benvenuto, ma è stato aggiornato per segnalare che era stata data soltanto una sola copia del libro a un bambino".

Gallery

Fonte: The Daily Beast →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Laura Italiano, la giornalista che si è dimessa perché "costretta a scrivere una fake news"

Today è in caricamento