Giovedì, 26 Novembre 2020
La vera grande domanda

Perché si muore così tanto di Covid-19 in Italia

Va peggio soltanto in Messico e Iran. Secondo un recente studio della Johns Hopkins University inciderebbe, e non poco, un’età media avanzata. Ma c'è anche dell'altro, evidentemente: è probabile che tra i nostri anziani siano più frequenti le malattie pregresse

Foto: Ansa (repertorio)

Come mai in Italia il numero di vittime di Covid-19 è così alto? Va peggio soltanto in Messico e Iran. Secondo un recente studio della Johns Hopkins University inciderebbe, e non poco, un’età media avanzata. Ma c'è anche dell'altro, evidentemente: è probabile che tra i nostri anziani siano più frequenti le malattie pregresse. Prova a vederci chiaro Marco Galluzzo oggi sul Corriere della Sera. Ieri sono stati 731 i morti in Italia. Dall'inizio dell'emergenza sanitaria 8 mesi fa solo in 9 giorni nel periodo dal 21 marzo al 3 aprile si sono registrati più decessi. 

Covid: solo in Messico e Iran letalità più alta che in Italia 

L'indice di letalità che cosa ci dice? Ricordiamo che il tasso di mortalità è un valore che si ottiene dividendo il numero di persone decedute a causa della malattia per il totale delle persone esposte al virus, cioè tutta la popolazione. Invece il tasso di letalità è un parametro che si ottiene dividendo il numero di morti per la malattia col totale dei casi accertati. Il tasso di letalità ci restituisce un dato più rilevante.

Il Messico guida la tragica classifica con dieci persone morte ogni cento che sono risultate ufficialmente positive al Sars-CoV-2.. L’Iran è al secondo posto con cinque. E al terzo posto della classifica aggiornata senza sosta dalla Johns Hopkins University di Baltimora c'è proprio l'Italia. Quasi quattro morti, 3,8 per la precisione, ogni cento casi di coronavirus da quando è iniziata l'emergenza.

Perché in Germania ad esempio ogni 100 casi positivi sono solo l’1,6% quelli che muoiono, 2 in Francia, 2,8 in Spagna? Provano a darsi risposte gli studiosi e gli epidemiologi in particolare. Non è facile dare risposte, perché sono tutti Paesi abbastanza omogenei per indici demografici.

Una delle possibili spiegazioni potrebbe essere ricercata nel numero di test eseguiti, più se ne fanno più il tasso dovrebbe abbassarsi, perché la maggior parte dei casi Covid sono di natura leggera e questo dovrebbe mitigare l’indice di letalità. La Germania ha fatto 25 milioni di test, noi poco più di 18 milioni.

Le ragioni della letalità al 3,8 per cento del coronavirus in Italia

Ma non convince del tutto, anzi, perché Francia e Spagna hanno fatto un numero di test simile al nostro. In Italia la popolazione è molto anziana, tra le più anziane al mondo, e la media anagrafica dei morti di Covid è nel nostro Paese di 82 anni. E' senz'altro un fattore. Poi ci sono solo punti di domanda. Ad esempio, la Repubblica Ceca è fra i Paesi più colpiti al mondo, ma uno di quelli in cui si muore meno, poco più di una persona su 100 contagiate. Secondo Massimo Ciccozzi, epidemiolgo, vanno considerate le patologie pregresse.

Potrebbe scoprirsi che la nostra popolazione, ad una certa età, ne ha di più rispetto ad altri Paesi, al- meno tre secondo lo studio fatto su oltre 5.000 cartelle cliniche.

Tante domande, poche certezze quindi: l'unica è che 46.464 persone sono morte in Italia nel 2020 dopo essere state contagiate dal coronavirus. Tra queste, 19.668 nella sola Lombardia.

patologie-2

Patologie preesistenti osservate più frequentemente nei pazienti morti di Covid in Italia (Fonte: ultimo report dell'Iss)

Il paradosso delle terapie intensive: "Più morti nelle regioni che hanno più letti"

Fonte: Corriere della Sera →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perché si muore così tanto di Covid-19 in Italia

Today è in caricamento