Domenica, 13 Giugno 2021

Bambini italiani costretti a studiare "cultura Rom" a scuola

Già da qualche settimana l'iniziativa sta facendo discutere, ora però si è passati alla fase operativa a Pisa

Il Giornale attacca: bambini italiani costretti a studiare "cultura Rom". Il costo dell'operazione è di 107mila euro.

Siamo a Pisa dove in sei scuole si terranno lezioni sulle tradizioni dei «Figli del vento».

Già da qualche settimana l'iniziativa sta facendo discutere, ora però si è passati alla fase operativa.

Ad alcuni consiglieri della lista «Noi Adesso Pisa» i laboratori (obbligatori) di cultura rom proprio non riescono a sopportarli. "Siamo venuti a conoscenza - afferma il consigliere Maurizio Nerini - del fatto che, dove la presenza degli studenti rom è più alta, esistono corsi approvati degli organi collegiali e inseriti nei Pof («Piani di offerta formativa», come si legge nel manuale del perfetto burocratese, edito dal ministero della Pubblica istruzione). I corsi hanno una durata di 6 ore annuali e vengono richiesti degli stessi insegnanti delle classi dove ci sono bambini rom".

Il laboratorio ha l'obiettivo di "invogliare i ragazzini Rom a venire a scuola, anche perché tra loro c'è un alto tasso di dispersione scolastica". Nelle ore di "cultura Rom", dicono gli insegnanti,"viene un educatore che spiega ai nostri studenti la cultura e la tradizione di quel popolo".

Nel corso della riunione è emerso che sono 170 i bambini rom di varie nazionalità presenti nelle 13 classi che hanno fatto richiesta dei corsi. Spiegano i promotori: «Non si seguiranno libri di testo, ma si svolgeranno attività laboratoriali differenti a seconda dei casi: fiabe per i bambini delle materne, storie di “viaggi nel tempo“ per le elementari e “vicende storiche“ della cultura rom, narrate dagli stessi ragazzi, alle medie». Mah. Il tutto al modico prezzo di? «L'importo complessivo è di 107mila euro».

Fonte: Il Giornale →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambini italiani costretti a studiare "cultura Rom" a scuola

Today è in caricamento