rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023

Migranti venduti all'asta per 750 euro: "E' un ragazzo forte, lavorerà nei campi"

In Libia una vera e propria tratta di esseri umani con gare a rialzo tra i compratori per accaparrarsi i lavoratori più robusti. Il reportage choc della Cnn

"Ottocento", dice il battitore. "900 ... 1.000 ... 1.100 ...". Venduto. Per 1.200 dinari libici, l'equivalente di 750 euro, in Libia non si compra una moto usata o un oggetto d’arredo, ma due esseri umani.

È quanto mostra un reportage pubblicato in esclusiva alla Cnn e girato in una località sconosciuta del Paese. Un filmato che documenta una vera e propria asta di esseri umani, come ai tempi della tratta degli schiavi. Uno degli uomini messo in vendita è un giovane nigeriano sui vent’anni. Indossa una camicia chiara e pantaloni felpati. "Un ragazzo forte, adatto a lavorare nei campi", dice la voce fuori campo del venditore che rimane sempre fuori dall’inquadratura.

Dopo aver ricevuto il video, la Cnn afferma di essere andata sul posto per verificarne l’autenticità. Le telecamere della tv americana hanno raggiunto così una proprietà non lontana da Tripoli, la capitale del Paese, dove va in scena il medesimo, orrendo, copione. L’imbonitore questa volta è un uomo in tenuta mimetica. "Qualcuno ha bisogno di una scavatrice? Questo è un uomo forte, scaverà".

I compratori alzano le loro mani mentre il prezzo sale, "500, 550, 600, 650 ..." In pochi minuti è tutto finito e gli uomini, completamente rassegnati al loro destino, vengono consegnati ai loro nuovi "padroni".

"Dopo l'asta - scrive la Cnn - abbiamo incontrato due degli uomini che erano stati venduti. Erano così traumatizzati che non riuscivano a parlare, e così spaventati da essere sospettosi verso chiunque".

Fonte: Cnn →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Migranti venduti all'asta per 750 euro: "E' un ragazzo forte, lavorerà nei campi"

Today è in caricamento