Giovedì, 29 Luglio 2021

Bambino cade sui binari della metro, salvato da Claudia a Lorenzo: "Due eroi"

MilanoToday ha rintracciato e intervistato lo studente che non ha esitato a saltare sui binari per salvare il bambino che era sfuggito alla madre: "Ho fatto quello che avrebbe fatto chiunque" dice. Ora il sindaco Sala lo vuole incontrare

Per una volta la parola "eroe" non viene usata affatto a sproposito. Gli ha salvato la vita, senza esitare nemmeno per mezzo secondo. Un bambino cade sui binari della metro, il suo angelo custode è uno studente 18enne.

MilanoToday l'ha rintracciato e intervistato. Stava tornando a casa da scuola come ogni giorno. Ha fatto quello che - dice - "avrebbe fatto chiunque". Non ne siamo così sicuri.

Il suo nome è Lorenzo Pianazza, ha diciotto anni ed è uno studente milanese il giovane che martedì pomeriggio insieme a Claudia Flora Castellano - dipendente Atm trentaduenne - ha salvato un bimbo di due anni caduto sui binari della metropolitana di Repubblica. Lì, pochi minuti prima delle 15, sulla banchina in direzione San Donato, il piccolo è sfuggito a sua mamma, ha preso la rincorsa ed è letteralmente volato giù, cadendo di faccia sulle rotaie. A evitare un dramma che sembrava ormai scritto ci hanno pensato proprio il coraggio e la prontezza di riflessi di Lorenzo, che ha tolto la cartella coi libri di scuola, si è "tuffato" e ha portato il bambino in salvo. 

Bimbo cade sui binari della metro: il salvataggio mozzafiato ripreso in un video

"Tornavo da Varese, dove frequento un istituto privato per prendere il diploma - racconta il giovane eroe a MilanoToday -. Ero sceso dal treno ed ero andato sulla gialla per prendere la metro verso casa". Proprio sulla M3 la sua giornata ha preso una piega inimmaginabile. "All'inizio non avevo capito - dice, con la voce ancora emozionata -. Mi sono accorto della madre che andava verso i binari gesticolando e poi ho visto altre due o tre persone avvicinarsi". 

Solo lui ha fatto qualcosa. "Mancava un minuto all'arrivo della metro - ricorda Lorenzo -, allora mi sono detto: «Salto giù e lo prendo, tanto ce la faccio a risalire. O mal che vada cerco di correre fino alla fine dei binari sperando che la metro si fermi»". Il treno, fortunatamente, non è mai arrivato alla fermata perché Claudia, l'agente di stazione Atm, si è accorta dai monitor di quanto stava accadendo e ha tolto il segnale, bloccando di fatto i mezzi. 

In pochi decisivi secondi Lorenzo era riuscito a fare quello che doveva. "Ho preso il bimbo e l'ho messo tra le mani della madre. Lui piangeva e, quando sono risalito, io gli ho messo una mano sulla spalla per tranquillizzarlo perché era spaventatissimo. La mamma, che era terrorizzata, mi ha detto grazie e poi io sono andato via", come se avesse fatto la cosa più normale del mondo. 

Fonte: MilanoToday →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bambino cade sui binari della metro, salvato da Claudia a Lorenzo: "Due eroi"

Today è in caricamento