rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021

Figli frustati, legati e costretti a leggere il Corano: genitori condannati

I maltrattamenti sui quattro figli minorenni sono andati avanti per anni, finché una di loro non ha trovato il coraggio di raccontare tutto: "Piuttosto che tornare a casa mi uccido"

Frustati con il filo elettrico su mani e piedi, legati a una sedia per punizione, costretti a leggere il Corano per ore e privati, chiusi una stanza buia senza cibo.

Questo il calvario che tre sorelle minorenni e il loro fratellino più piccolo hanno vissuto per quattro anni, come racconta l'edizione torinese del Corriere della Sera, e i loro genitori sono stati ora condannati con l'accusa di maltrattamenti.

Per loro il giudice Maria Iannibelli ha stabilito una pena di 3 anni e sei mesi di reclusione e il pagamento di una provvisionale di 10mila euro a favore di ciascun figlio. 

A far scoprire tutto era stata una delle ragazzine, che aveva trovato il coraggio di confidarsi con un'insegnante a scuola. "Piuttosto che tornare a casa mi uccido - aveva detto - Papà ci picchia e io preferisco morire". 

Fonte: Corriere della Sera →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Figli frustati, legati e costretti a leggere il Corano: genitori condannati

Today è in caricamento