''Mamma mi sento male'', ma lei va al pub: 13enne muore in casa

La tragedia della piccola Robyn, 13 anni, ignorata dalla mamma, che pensando ad una richiesta di attenzioni, ha preferito andare a bere. Al suo ritorno a casa la terribile scoperta: la piccola era morta a causa di un'ulcera allo stomaco

Foto di repertorio

Nonostante la piccola Robyn Goldie, di 13 anni, avesse manifestato il suo malessere, la mamma Sharon, 34enne di Wishaw, in Gran Bretagna, l'ha vista soltanto come una richiesta di attenzione superflua, una sorta di capriccio. Così ha deciso di lasciare la figlia a casa per andare in un pub, ma Robyn non era in cerca di attenzioni: sentiva veramente dolore, a causa di un'ulcera che l'ha uccisa in poche ore. La mamma, tornata dopo un po' di tempo a casa, si è accorta soltanto in un secondo momento di quello che stava succedendo veramente. A nulla è servita la corsa in ospedale, la 13enne è deceduta a causa dell'ulcera ma, se la madre non l'avesse ignorata, probabilmente avrebbe potuto salvarsi

Come racconta la Bbc, la tragedia è avvenuta lo scorso 26 luglio, ma i dettagli della vicenda, tra cui il terribile rapporto tra madre e figlia, sono emersi davanti all'Alta Corte di Glasgow.

Il procuratore ha dichiarato in Aula: ''La famiglia era sotto l'osservazione dei servizi sociali e a Sharon Goldie è stata offerta, in varie occasioni, l'opportunità di frequentare corsi per genitori. Ha rifiutato di partecipare. A diversi amici Robyn aveva raccontato che sua madre beveva e le aveva offerto alcol e marijuana. Goldie frequentare regolarmente il Melody Bar di Wishaw. Lì l’hanno più volte sentita dire che era stufa della figlia, che voleva tornasse dalla nonna. In più di un’occasione Robyn è stata vista elemosinare una sterlina per comprarsi del cibo''

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Già la settimana prima del decesso la 13enne aveva manifestato dei terribili dolori allo stomaco, curati con dei semplici antidolorifici. Si trattava soltanto del preludio alla tragedia che sarebbe avvenuto qualche giorno dopo. Sharon Goldie, davanti ai giudici, si è dichiarata colpevole di maltrattamento e abbandono di minore, ma ha rigettato le accuse di omicidio colposo. Tra un mese il tribunale si pronuncerà sulla condanna.
 

Fonte: Bbc →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento