Lunedì, 10 Maggio 2021

Lo stalker di Maria Elena Boschi

La deputata di Italia Viva Maria Elena Boschi si è presentata in procura nei giorni per denunciare uno stalker che la perseguita con mail, telefonate alla segreteria e su Instagram. C'è un precedente di un altro uomo condannato per stalking

Maria Elena Boschi si è presentata in procura a Roma l'8 marzo per denunciare uno stalker. Il Messaggero racconta oggi che la capogruppo di Italia Viva alla Camera si trova molestata da settimane da un personaggio sconosciuto che le invia email, telefona alla sua segreteria chiedendo di parlare con lei e la attacca sul suo profilo Instagram. Dopo il deposito della denuncia Boschi è stata ascoltata dalla polizia giudiziaria come prevede la legge sulla violenza di genere a piazzale Clodio in presenza del pubblico ministero incaricato delle indagini Stefano Pizza. 

Non è la prima volta che l'ex ministra del governo Renzi si ritrova in una situazione del genere: nel 2017 Giuseppe Dragone, disoccupato di Pozzuoli, è stato condannato a due anni e due mesi di carcere dopo averla perseguitata per molto tempo dichiarandosi innamorato di lei: le aveva inviato più di mille messaggi in pochi mesi. "Ti ho dato due numeri miei", "Tu sei il mio fiore, ti amo", ma anche "Ti devo ammazzare" e "Spiegami. Chiariamoci. Ho visto che mi vuoi fare arrestare", le aveva scritto. L'uomo soffriva da tempo di un disturbo della personalità ed era considerato incapace di intendere e di volere. Ma questo non gli aveva evitato l'arresto - e la successiva condanna - per aver violato il divieto di avvicinamento alla Boschi e l'obbligo di dimora in Campania: a novembre, infatti, era stato fermato a Firenze mentre cercava di incontrare quella che era diventata la sua ossessione. 

La deputata Boschi si è ritrovata più volte bersaglio di hater. A febbraio, in suo soccorso, dopo post sgradevoli sul profilo Instagram, per una innocente foto in costume carnevalesco con la nipote, era accorso il fidanzato, l’attore Giulio Berruti con un cuoricino.

Gli odiatori della rete pochi mesi prima invece si erano scatenati per una foto postata (non da lei) durante una gita in barca a Ischia. Nel mirino la frangetta e i pantaloncini. Ora il nuovo filone di indagine nei confronti di un molestatore divenuto troppo molesto. Nella denuncia nei confronti dello stalker Maria Elena Boschi, ha presentato come prove email sgradevoli, attacchi sul profilo Instagram e tentativi di chiamate presso la propria segreteria. Boschi quindi è per la seconda volta vittima di stalking. Un uomo che l'ha molestata a lungo nel 2017 è stato condannato a due anni e due mesi di carcere. Ora il nuovo filone di indagine nei confronti di un molestatore divenuto evidentemente pericoloso.

Zona rossa nel week end e gialla rafforzata a marzo: le modifiche al Dpcm di Draghi per il lockdown nel fine settimana

Fonte: Il Messaggero →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo stalker di Maria Elena Boschi

Today è in caricamento