rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021

Monti: "Senza di me, Berlusconi sarebbe diventato presidente della Repubblica"

All'accusa di essere un dilettante della politica, Monti replica: "Se i professionisti sono gli specialisti di slalom, allora mi considero un dilettante"

Mario Monti dopo l'addio a Scelta Civica, la sua creatura che doveva cambiare il panorama politico italiano e invece si è ritrovata a contare sempre meno all'interno delle larghe intese, racconta ad Aldo Cazzullo del Corriere della Sera la "sua" verità.

"Mauro da capogruppo al Senato e' andato, con il suo collega alla Camera Dellai, a trattare per la composizione del governo, di cui non mi sono occupato, e ne e' uscito ministro della Difesa". Lo afferma l'ex premier spiegando le sue dimissioni da Scelta Civica, che, precisa, "non sono state un fulmine a ciel sereno. Il cielo non era sereno affatto".

"Serviva - afferma - una ventata che spazzasse via la nebbia, al cui riparo undici senatori, piu' un senatore al governo, operavano per uno snaturamento di Scelta civica. In particolare due capitani di lungo corso: il senatore Pier Ferdinando Casini e il ministro Mario Mauro, piu' altri improbabili compagni di viaggio".

Fassina e Monti, il governo scricchiola

All'accusa di essere un dilettante della politica, Monti replica: "Se i professionisti sono gli specialisti di slalom, allora mi considero un dilettante". Nel contrasto con Mauro e Casini sull'Imu, spiega ancora,"c’e' tutta la differenza tra una politica dei contenuti, l’unica che interessa a noi, e una politica tipo Gps, cioe' dei posizionamenti", "l’unica che forse interessa ad altri". "Ma Mauro e Casini - aggiunge l'ex premier - paiono molto attivi" anche nel "dissolvere il nostro movimento in un nuovo soggetto "moderato", aperto a quanto pare anche al Pdl, senza badare troppo se questo si sia veramente emendato di quelle personalita' e quei valori" diversi da Scelta civica. Sul premier Enrico Letta, Monti osserva: "Sono dispiaciuto che, forse per ingraziarsi il Pdl e Berlusconi che minacciava la crisi per le sue questioni giudiziarie, il governo abbia, in particolare sull’Imu, realizzato il programma elettorale del Pdl".

Monti se ne va: "Sciolta Civica"

Sulla decadenza di Berlusconi, Monti preannuncia che votera' "attenendosi alla legge". Infine, il senatore a vita rivendica: "Senza di noi, il Pdl avrebbe la maggioranza alla Camera e al Senato, Berlusconi sarebbe diventato a sua scelta presidente della Repubblica o presidente del consiglio, e avrebbe deciso da chi sarebbe stata occupata l’altra posizione".

L'ex eroe della sinistra De Gregori: "Ho votato Monti"

Cosa pensa di Enrico Letta?
«Quando gli consegnai la campanella, al momento del passaggio delle consegne, gli dissi che se avessi potuto scegliere un successore sarebbe stato lui: un uomo giovane, di molta esperienza, di cultura europea, che sa le lingue ed è capace di rappresentare l’Italia con dignità. Però le larghe intese sono una condizione necessaria ma non sufficiente per fare le riforme. Il premier dovrebbe predisporre misure che diano qualche insoddisfazione politica alla destra e qualche insoddisfazione politica alla sinistra , dovrebbe fare scelte che scontentino le constituency della destra, quelle della sinistra e quelle del centro, se le avesse. Il rischio è che l’attuale grande coalizione bilanci i benefici politici per la destra e i benefici politici per la sinistra. Sono dispiaciuto che, forse per ingraziarsi il Pdl e Berlusconi che minacciava la crisi per le sue questioni giudiziarie, il governo abbia, in particolare sull’Imu, realizzato il programma elettorale del Pdl».

Fonte: Corriere della Sera →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monti: "Senza di me, Berlusconi sarebbe diventato presidente della Repubblica"

Today è in caricamento