Sabato, 23 Ottobre 2021

Pordenone, vandali in casa di Mauro Corona: lo scrittore li insegue con un'accetta

Ignoti hanno utilizzato una scultura di bronzo, lanciandola contro una vetrata. Lo scrittore li ha messi in fuga con un'accetta, come ha raccontato a Il Gazzettino: "Se li avessi presi li avrei ammazzati senza pietà"

"Se li avessi presi li avrei ammazzati senza nessuna pietà". A parlare è lo scrittore Mauro Corona, che nella notte tra sabato e domenica si è trovato davanti un gruppo di ragazzi che ha vandalizzato il suo studio a Erto (Pordenone), rompendo una delle sue sculture di bronzo e lanciandola contro la vetrata.

Corona, che stava riponsando all'interno, è uscito per metterli in fuga usando un'accetta, come ha raccontato lui stesso a Il Gazzettino. "Ero armato non ha paura a dire - loro erano in tre e io li ho rincorsi, ma essendo a piedi nudi non sono riuscito a raggiungerli".

"Li ho sentiti passare e ho guardato l'orologio racconta ancora arrabbiato -, hanno trafficato fuori dalla tana e poi hanno spostato una delle sculture che, a causa delle dimensioni, tengo sotto il portico. Ad un certo punto l'hanno spinta contro la vetrata e l'hanno mandata in pezzi. Se l'avessero rubata non ci sarebbero stati problemi, si sarebbe trattato di un furto d'arte. Invece no, hanno usato violenza, maleducazione e inciviltà"

Sul fatto indagano le forze dell'ordine, che stanno analizzando i filmati della videosorveglianza.  

Fonte: Il Gazzettino →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pordenone, vandali in casa di Mauro Corona: lo scrittore li insegue con un'accetta

Today è in caricamento