Lunedì, 12 Aprile 2021

"Prima il Covid, ora l'esondazione: ormai sono rassegnato"

A Milano l'amarezza dei commercianti dopo gli allagamenti di venerdì scorso: "Il Seveso esonda da 50 anni, siamo sconsolati"

Fermo immagine dal video di MilanoToday

Prima il Covid, poi l'allagamento. A Milano l'ennesima esondazione del Seveso (avvenuta venerdì scorso) ha fatto disperare i residenti dei quartieri Niguarda e Ca' Granda dove strade e scantinati sono stati invasi dalla piena del torrente che scorre sotto viale Fulvio Testi. Per i commercianti che speravano di riaprire la delusione è doppia. 

In via Valfurva, al Simon's bar, i volti al bancone esprimono tutta l'amarezza dei lavoratori che hanno passato la mattina a svuotare il locale dall'acqua. "Prima del Covid-19 avevamo raccolto 10 pagine di firme per chiedere di avviare in fretta i lavori per le vasche di laminazione a nord di Milano. Purtroppo le firme sono ancora tutte qua, mentre il Seveso è 50 anni che esonda. Non sappiamo più cosa dire, ormai siamo rassegnati - spiega il titolare del bar - Siamo appena usciti dall'emergenza Covid e siamo già alle prese con tutto il lavoro extra che un negozio deve fare per rispettare le norme sul distanziamento sociale. Ora di nuovo il Seveso che fuoriesce e allaga tutto quanto. Siamo davvero sconsolati".

Servizio video di Stiben Mesa Paniagua e Giampaolo Mannu, redazione di MilanoToday.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: MilanoToday →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Prima il Covid, ora l'esondazione: ormai sono rassegnato"

Today è in caricamento