Martedì, 26 Gennaio 2021

Milano, rubati tre furgoni: questore attiva l'antiterrorismo

Tra il 4 e il 6 settembre sono stati rubati tre veicoli con marchio Dhl, di caratteristiche simili a quelli utilizzati per commettere gli attentati di Barcellona e Nizza

Controlli sui furgoni sospetti (FOTO ANSA)

Torna l'allerta terrorismo a Milano, dopo la segnalazione del questore di Milano Marcello Cardona: “Tre furgoni, modello Ducato, sono stati rubati nei giorni tra il 4 e l’6 settembre”. La comunicazione ha subito messo in allarme  gli uomini della Digos, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, che si sono subito messi alla ricerca dei tre mezzi, che hanno il logo della Dhl, la ditta che si occupa di spedizioni internazionali. Secondo gli investigatori si tratta di veicoli a rischio, perché simili ai piccoli van e furgoni utilizzati dai terroristi per commettere stragi come quelle di Barcellona, Nizza e Berlino. “Per questo motivo il questore ha chiesto di intensificare i controlli e di allertare tutto il personale e i dipendenti". 

I sospetti

Il questore, nel documento con cui ha attivato l'antiterrorismo, riporta Il Messaggero, ha fornito alla polizia tutti i dati relativi ai furgoni arrivate dall'azienda, in linea con quanto richiesto dal prefetto Gabrielli, che in una circolare sollecitava la massima attenzione sui furti di veicoli 'a rischio' come questo tipo di furgoni. Secondo quanto scrive il Corriere della Sera, l'allerta sui camion rubati è legata anche ad alcune informazioni rivelate dai servizi stranieri europei a quelli italiani: potrebbero passare per l'Italia alcune persone ritenute sospette.

Il pericolo terrorismo

La scorsa settimana si sono tenute al Viminale due riunioni antiterrorismo. In una di queste il ministro Minniti ha mostrato il piano d'azione da attuare in caso di attentato: “Anche se nessuno vorrebbe sentirne parlare  il rischio c'è e bisogna essere pronti ad affrontare ogni evenienza”.  Già nei mesi scorsi Minniti aveva ammesso che “non esiste un rischio zero”, proprio perché l'operato di alcuni foreign fighters è imprevedibile.  L'unica difesa è la giusta prevenzione da fare sul territorio italiano, come testimonia l'operazione 'Ultimo Miglio', effettuata a fine agosto, in cui sono stati controllati 27mila furgoni in tutta Italia e arrestate 24 persone

Fonte: Corriere della Sera →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, rubati tre furgoni: questore attiva l'antiterrorismo

Today è in caricamento