rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022

Un minore europeo su quattro è a rischio povertà

In Italia il rischio povertà o esclusione è al 32,3 per cento per i minori, al 28,4 per cento sugli adulti e al 24,2 per cento per gli over 65

Oltre un minore su quattro nell'Unione europea è a rischio povertà o esclusione sociale: il 27 per cento di coloro con meno di 18 anni, secondo i dati pubblicati oggi da Eurostat relativi al 2011. Un rischio povertà ed esclusione che tra i minori è più elevato rispetto agli adulti, in cui si attesta al 27 per cento, mentre ad essere meno esposti sono gli anziani over 65, con un 21 per cento.

L'ente di statistica comunitario inserisce in questa categoria di rischio coloro che si trovino in tre principali situazioni: rischio di povertà, con gravi deprivazioni di beni o, terzo caso, inseriti in un nucleo familiare con una intensità di lavoro bassa.

Tra i paesi dell'Ue, le maggiori percentuali di rischio di povertà o esclusione a carico dei minori si registrano in Bulgaria (52%), Romania (49%), Lituania (44%), Ungheria e Ireland (38% nel 2010), all'opposto i livelli più bassi si registrano in Svezia, Danimarca e Finlandia (tutti al 16%), Slovenia (17%), Olanda (18%) e Austria (19%). In Italia il rischio povertà o esclusione è al 32,3 per cento per i minori, al 28,4 per cento sugli adulti e al 24,2 per cento per gli over 65, secondo le tabelle Eurostat.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un minore europeo su quattro è a rischio povertà

Today è in caricamento