Venerdì, 4 Dicembre 2020

Moby Prince, azione legale contro il Governo

Nel 28esimo anniversario della tragedia in cui morirono 140 persone i familiari annunceranno l’intenzione di avviare un’azione civile per appurare le responsabilità dello Stato

Una immagine del traghetto Moby Prince dopo l'incendio causato dalla collisione con la petroliera Agip Abruzzo, Livorno 12 aprile 1991 ANSA ARCHIVIO

Il 10 aprile 1991 il traghetto Moby Prince con 140 persone a bordo finì contro la petroliera Agip Abruzzo a poche miglia dalla costa livornese. Dopo la collisione il traghetto andò a fuoco e si salvò solo il mozzo, Alessio Bertrand. In una testimonianza affermò che molte altre persone si sarebbero potute salvare.

Oggi, 28 anni dopo la tragedia l’Associazione 10 Aprile-Familiari Vittime Moby Prince Onlus, con il supporto dello Studio Legale Bernardo e Taddia di Livorno, annuncerà l’intenzione di avviare un’azione civile "nei confronti del Ministeri competenti e della Presidenza del Consiglio dei Ministri". Lo dichiara Luchino Chessa, presidente dell’Associazione: "Lo faremo per chiedere di accertare le eventuali responsabilità dello Stato".

L’ultima inchiesta bis, aperta nel 2006 e chiusa nel 2010 con l’archiviazione, aveva ribadito l’errore umano e anche censurato il comportamento dei figli del Comandante Chessa, Angelo e Luchino, rei di aver distratto risorse alla giustizia. 

moby prince petroliera agip-2

Tuttavia la Commissione Parlamentare d’Inchiesta, presieduta dal Senatore Silvio Lai, il 24 gennaio 2018 ha ribaltato completamente le verità processuali escludendo la presenza di nebbia, e collocando la petroliera alla fonda nella rada di fronte al porto di Livorno affollata di navi militari e mercantili. Inoltre secondo i familiari delle vittime la vita a bordo del Moby Prince sarebbe durata ore e non minuti: si sarebbero potuti salvare?

"Vogliamo seguire le orme del Comitato familiari vittime di Ustica – spiega Luchino Chessa che con il fratello Angelo sono figli del comandante del traghetto Ugo Chessa morto nel rogo – che intentò una causa civile nei confronti dello Stato, basandola sul presupposto che lo Stato stesso non aveva garantito la sicurezza dei cittadini italiani in volo nei cieli nazionali. Causa peraltro vinta, aprendo così scenari ulteriori".

Moby Prince, dopo 28 anni Livorno ricorda la strage: il programma delle iniziative

Il relitto del Moby Prince nel porto di Livorno-2

Fonte: iltelegrafolivorno →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Moby Prince, azione legale contro il Governo

Today è in caricamento