rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022

I Mondiali dello sfruttamento

Un rapporto di Human Right Watch denuncia lo sfruttamento dei lavoratori migranti che "permetterà" lo svolgimento dei mondiali di calcio del 2022 in Qatar

“Sarà un Mondiale costruito sullo sfruttamento e sull’abuso della forza lavoro migrante” è scritto in un rapporto di Human Right Watch che sarà disponibile da domani nella parte che riguarda i Mondiali di Calcio 2022 in Qatar. Secondo l’associazione umanitaria, la forza lavoro proveniente da India, Nepal, Pakistan e altri paesi del sudest asiatico, sopravvive in Qatar in condizioni prossime alla schiavitù: con paghe basse, ammassata in bidonville costruite ad uopo, senza acqua corrente e ventilazione, e costretti a lavorare senza le minime tutele di sicurezza né assistenza sanitaria. Il tutto per la gloria di uno dei paesi più ricchi al mondo – grazie agli enormi giacimenti di petrolio e gas naturale – e per il piacere del pubblico televisivo di poter assistere ai primi Mondiali di calcio giocati a 50° all’ombra, in nuovi stadi fantascientifici e architettonicamente superlativi.

Il Fatto Quotidiano, citando il rapporto di Human Right Watch, denuncia lo sfruttamento dei lavoratori migranti che "permetterà" lo svolgimento dei mondiali di calcio del 2022 in Qatar.

Fonte: Il Fatto Quotidiano →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Mondiali dello sfruttamento

Today è in caricamento