Donna "fantasma" trovata morta: pesava 30 chili e non usciva di casa da 45 anni

Nessuno aveva più visto Luciana Simoncelli da quando aveva 12 anni. Viveva "murata in casa" con la madre e una sorella nubile: un giallo, e una storia di solitudine e sofferenza

I carabinieri indagano: è necessario fare piena luce su un caso che ha sconvolto il piccolo paesino di Serravalle di Carda, comune di Apecchio, 300 anime in provincia di Pesaro Urbino. Luciana Simoncelli, 59 anni, è stata ritrovata morta nella sua abitazione. In paese praticamente nessuno sapeva della sua esistenza. La madre della vittima ha chiamato la guardia medica, spiegandoche la figlia non stava bene. Il medico intervenuto sul posto non ha potuto fare altro che constatare il decesso per cause naturali: la donna era denutrita, con un apparente peso di 30 chili, forse a causa di una malattia. Sarà l'autopsia a fornire elementi utili.

Luciana Simoncelli non usciva da 45 anni: nessuno la conosceva in paese

A quel che si apprende viveva "murata in casa" da 45 anni, con la madre e una sorella nubile. L’ultima volta che era stata vista in paese da alcuni coetanei aveva 12 anni, poco dopo la scuola elementare. Anche il medico di famiglia che da decenni ha lo studio in paese non l'aveva mai visitata. Un giallo, ma anche una storia di solitudine e sofferenza che lascia aperti molti interrogativi.

Il dottor Massimo Valentini, il medico di famiglia, al Resto del Carlino racconta ulteriori dettagli: "E’ una vicenda sicuramente fuori dal comune. Io sapevo dell’esistenza di questa donna, faceva parte dei miei assistiti ma quando sono andato negli ultimi 25 o 30 anni in quella casa di Serravalle chiamato dalla madre o dalla sorella, la signora Luciana non la vedevo. Sapendo della sua esistenza, ho chiesto alla madre di poterla conoscere, magari visitare, visto che era una mia mutuata", ricorda.

"Ma la risposta immancabile ogni volta era di rifiuto netto e senza possibilità di trattativa: ‘No, mia figlia non ha piacere di vedere nessuno e dunque nemmeno lei dottore, mi dispiace’. Per questo sono stato costretto a rinunciare a conoscerla, a parlarci, semplicemente a vederla, pur sapendo che si trovava lì a un metro da me, dietro a una porta".

Fonte: Il Resto del Carlino →

Potrebbe interessarti

Più letti della settimana

Torna su
Today è in caricamento