Domenica, 13 Giugno 2021

Milano, al ritorno dalle ferie in arrivo 63mila multe arretrate

"Il nostro obiettivo - spiega al Corriere della Sera l’assessore alla Sicurezza, Marco Granelli - è di far pagare tutti, anche per un senso di giustizia rispetto a chi paga nei termini"

Un ritorno dalle ferie da incubo per migliaia di cittadini. Infatti 63mila milanesi al ritorno dalle vacanze troveranno nella loro cassetta postale vecchie multe, risalenti al 2010. Sono partite infatti 63mila verbali di pagamento di sanzioni arretrate. 

Non è tutto qui: nei prossimi mesi arriveranno altre multe arretrate non pagate. Il Corriere della Sera spiega che si tratta di ingiunzioni notificate  nel 2012 e non pagate. Riguardano in particolare gli automobilisti che hanno collezionato più di un verbale nell’arco dell’anno di riferimento. La media è di 3-4, ma non mancano casi di una decina a testa. Ma non finisce qui. Perché la seconda tranche di ingiunzioni partirà a fine agosto e raggiungerà i destinatati entro la metà di settembre. Si tratta di  44.144 solleciti per il 2013 e 500 ingiunzioni ancora per il 2012. 

Il secondo capitolo della vicenda è in programma a ottobre, quando arriveranno 70 mila ingiunzioni per singoli verbali arretrati sempre del 2012. Poi si passa ai 100mila solleciti per il 2013. Siccome si prevedono le reazioni dei cittadini, contestazioni, ricorsi etc, Palazzo marino ha potenziato il centralino 02020202 ed è stata creata anche una task force per rispondere alle tante domande dei cittadini sull'argomento.

 «Il nostro obiettivo - spiega l’assessore alla Sicurezza, Marco Granelli - è di far pagare tutti, anche per un senso di giustizia rispetto a chi paga nei termini. Poi, anche perché sappiamo ci possono essere errori e dubbi, abbiamo scelto di rendere tutto il rapporto con l’amministrazione più semplice e di evitare le code in via Friuli».

Fonte: Corriere della Sera →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, al ritorno dalle ferie in arrivo 63mila multe arretrate

Today è in caricamento