Domenica, 19 Settembre 2021

Le Regioni "se la cavano": nessuna multa per le spese pazze con i soldi pubblici

La Corte dei Conti ha deliberato che le nuove norme e le ammesse sanzioni saranno applicabili solo "dall'esercizio 2013". Decisiva la "disomogeneità delle norme regionali"

Per vedere sanzionato il "cattivo" uso dei soldi pubblici da parte dei gruppi consiliari regionali bisognerà ancora attendere. E' questo, in pratica, il senso della delibera firmata oggi dal presidenre della Corte dei Conti Luigi Giampaolini. 

Infatti, nonostante le nuove norme siano già pronte, così come "l'impianto sanzionatorio", la Corte mette l'accento sull'evidente "disomogeneità delle norme regionali". Quindi, per una "corretta attuazione" delle nuove disposizioni bisognerà aspettare il 2013 e, infatti, le norme e le annesse sanzioni saranno applicabili "dall'esercizio 2013".  

Oltre alla necessità di attendere un altro anno, la conseguenza è che i controlli già effettuati dalle Sezioni regionali della Corte dei Conti hanno al momento solo "efficacia ricognitiva" sulla regolarità dei documenti sulle spese dei gruppi consiliari regionali. 

Fonte: Il Sole 24 Ore →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le Regioni "se la cavano": nessuna multa per le spese pazze con i soldi pubblici

Today è in caricamento