Sabato, 23 Ottobre 2021

Come i neonazisti "fanno soldi" grazie a Google e YouTube

Sul Guardian pubblicata un'inchiesta che spiega come i gruppi neonazisti si finanzino su YouTube

I gruppi neonazisti si finanziano grazie a Google Adsense e a YouTube. Non è una vera e propria denuncia, perchè la cosa era già nota, ma sta destando molto interesse in rete l'articolo pubblicato dal quotidiano britannico Guardian dedicato all'argomento.

Grazie alla percentuale di introiti pubblicitari che YouTube concede ai suoi utenti che pubblicano video originali e non coperti da copyright, i gruppi neonazisti ricevano soldi per le proprie attività. Spesso questi contenuti vengono rimossi in quanto contrari alla policy di YouTube, ma dalle segnalazioni all'effettiva rimozione passano spesso dei giorni, e i soldi generati dal traffico di visitatori viene in ogni caso elargita.

Contattati dal quotidiano, sono emersi i malumori di molti investitori pubblicitari di Google Adsense, che non sono affatto contenti che i propri prodotti siano associati a tali contenuti.

Fonte: Guardian →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come i neonazisti "fanno soldi" grazie a Google e YouTube

Today è in caricamento