Coronavirus, le linee guida del nuovo Dpcm: cosa cambia dal 31 luglio

Dopo la proroga dello stato di emergenza coronavirus fino al 15 ottobre, in arrivo le nuove disposizioni decise dal governo. Mascherine, navi da crociera, discoteche e fiere: ecco cosa cambia

Il premier Giuseppe Conte, foto Ansa

Un nuovo Dpcm con nuove linee guida Covid in Italia entrerà in vigore nella giornata di venerdì 31 luglio. Dopo la proroga dello stato di emergenza fino al 15 ottobre 2020 (proprio grazie a questo strumento è possibile promuovere nuovi decreti del presidente del Consiglio), il governo detterà infatti le linee guida del nuovo Dpcm dopo quello firmato dal premier Giuseppe Conte il 14 luglio scorso.

In sostanza, il governo rinnoverà le misure per il contenimento del contagio da coronavirus in vigore da due settimane, con alcune novità. I dettagli del nuovo Dpcm del 31 luglio saranno messi a punto nel confronto tra il premier Giuseppe Conte, il ministro della Salute Roberto Speranza e quello degli Affari Regionali Francesco Boccia con i governatori.

Nuovo Dpcm coronavirus: cosa cambia dal 31 luglio 

Cosa prevede il Dpcm del 31 luglio? Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera dà alcune anticipazioni. Le mascherine saranno ancora obbligatorie al chiuso. Bisognerà rispettare il distanziamento sociale di un metro e il divieto di assembramento. Ma ci sarà anche il via libera alle fiere, ai viaggi sulle navi da crociera e agli eventi (salvo sorprese dell'ultima ora) sia pur con alcune prescrizioni severe, con due settimane di ritardo sulla tabella di marcia.

Cosa cambia da venerdì 31 luglio? Rispetto a quanto fatto fino ad oggi, nessuna novità per quel che riguarda la mascherina. Non cambia dunque la "gestione" di questo dispositivo di protezione individuale, ribadendo quanto già deciso con il Dpcm del 14 luglio: sarà obbligatorio indossarla nei locali pubblici e in tutti i luoghi chiusi in cui non è possibile garantire il distanziamento. Per entrare negli uffici pubblici, nei negozi e nei centri commerciali la mascherina va indossata correttamente e rimane obbligatoria, così come in tutte le altre attività commerciali, ma anche nelle gallerie d’arte e nei musei, al teatro e al cinema. Discorso analogo su treni, autobus e metropolitane. Per il personale che lavora in negozi, ristoranti e uffici pubblici la mascherina sarà obbligatoria e non potrà mai essere tolta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Corriere della Sera scrive ancora che riprenderanno (a meno di sorprese dell'ultima ora) le sagre, le fiere e le discoteche, ma con regole severe. Dal 31 luglio sarà possibile tornare anche in crociera: la gestione di aliscafi e traghetti ha evidenziato come la possibilità di evitare il contagio all’interno di questi mezzi sia possibile rispettando misure rigorose. Il tutto, però, sarà gestito da prescrizioni specifiche che verranno concordate con i governatori regionali.

Fonte: Corriere della Sera →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento