Domenica, 13 Giugno 2021
Israele

Nasce il nuovo governo in Israele: accordo anti Netanyahu con tutti dentro

Rivoluzione dopo 12 anni di governo del Likud. Nella coalizione 8 partiti, dall'estrema destra al primo partito arabo israeliano

Il leader centrista Yair Lapid ha informato il presidente israeliano Reuven Rivlin di essere "riuscito a formare un nuovo governo" ponendo fine ai 12 anni di governo del leader del Likud Benjamin Netanyahu. 

Il nuovo governo di coalizione è un vero e proprio "tutti dentro": l'accordo vede infatti insieme Naftali Bennett, ex leader dei coloni ed ex ministro della difesa un tempo alleato di Netanyahu e leader del piccolo partito religioso Yamina. Il nuovo governo vedrà per la prima volta nella coalizione anche un partito arabo-israeliano, Ra'am, guidato da Mansour Abbas. In tutto otto forze politiche tra partiti di sinistra e nazionalisti di destra.

Bennett, che condivide molte delle opinioni intransigenti di Netanyahu, dovrebbe fare il primo ministro per due anni prima di cedere le redini a Lapid per altri due.  

"Il nuovo governo - ha detto Lapid - farà tutto il possibile per unire tutte le componenti della società israeliana. Il nostro impegno è di metterci al servizio di tutti i cittadini di Israele, inclusi quanti non sostengono questo governo". 

Alla fine i partiti di centro - 'C'e' futuro' e 'Blu Bianco' (Benny Gantz) - di destra - 'Yamina' (Naftali Bennett), 'Nuova speranza' (Gideon Saar), 'Israele Casa Nostra' (Avigdor Lieberman)- di sinistra - Laburisti e Meretz - e Raam, hanno firmato il documento che ha consentito a Lapid di dare l'annuncio a Rivlin. Gli ultimi ostacoli sono stati quelli di Abbas e il dissidio tra Laburisti e Yamina. Raam voleva assicurazioni sugli interventi a favore dell'edilizia della parte araba della società e il riconoscimento municipale per alcune località beduine del Negev. Laburisti e Yamina volevano entrambi la presidenza della delicata Commissione che nomina i magistrati: alla fine anche qui è prevalso il criterio della rotazione. Per 2 anni sarà presidente Ayalet Shaked, numero due di Yamina e gli altri due Merav Michaeli leader dei Laburisti.

Ora la palla passa al presidente della Knesset Yariv Levin che dovrà indicare la data in cui l'Aula dovrà votare la fiducia al nuovo governo. Servono almeno 61 seggi su 120. Un passaggio delicato che potrebbe anche riservare sorprese non gradite, visto che ci sono singoli deputati dei partiti della coalizione - soprattutto di Yamina - che hanno detto di essere in disaccordo.

Il varo del nuovo governo è avvenuto alla fine di un giorno che ha registrato l'elezione di Isaac Herzog nuovo presidente di Israele. Alla prima votazione, la Knesset lo ha designato votandolo con 87 preferenze. 

Fonte: timesofisrael →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce il nuovo governo in Israele: accordo anti Netanyahu con tutti dentro

Today è in caricamento