rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022

Obama: "Israele non sa fare i suoi interessi"

La controversa frase sarebbe stata pronunciata più volte in privato dal presidente Usa dopo l'annuncio di Gerusalemme per la costruzione di nuovi insediamenti in Cisgiordania

Dopo il riconoscimento Onu della Palestina come Stato non membro e il successivo annuncio israeliano della costruzione di nuovi insediamenti, il Presidente americano Barack Obama affermò, in conversazioni private, che "Israele non sa quali siano i suoi migliori interessi". E' quanto ha riferito il corrispondente del quotidiano Usa Atlantic, Jeffrey Goldberg, sul sito di Bloomberg.

"Quando venne informato della decisione israeliana, Obama, che ha un rapporto notoriamente controverso con il premier (Benjamin Netanyahu), non si disturbò neanche di arrabbiarsi - ha scritto Goldberg - disse a diverse persone che questo tipo di comportamento da parte di Netanyahu era quanto si aspettava e suggerì che si era ormai abituato a quello che considera politiche di autodifesa della controparte israeliana".

"Nelle settimane successive al voto Onu - ha aggiunto il giornalista - Obama disse in privato e più volte: 'Israele non conosce quali siano i suoi migliori interessi'". Secondo il Presidente americano, con l'annuncio di nuovi insediamenti il premier Netanyahu si sarebbe incamminato sulla strada per un "quasi completo isolamento del suo Paese".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Obama: "Israele non sa fare i suoi interessi"

Today è in caricamento