rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Buongiorno Today

Buongiorno Today | Perché Bergoglio ha scelto il nome "Francesco"

Le notizie di giovedì 14 marzo 2013

Jorge Mario Bergoglio, 77 anni, arcivescovo di Buenos Aires, è il nuovo Papa. Nella storia della chiesa, nessuno aveva mai avuto il coraggio di darsi per primo, da Papa, il nome del grande santo d’Assisi, San Francesco. Perché Bergoglio questo coraggio l'ha avuto? Gaffe della Cei: nel testo del comunicato inviato via email a pochi minuti dall'Habemus Papam la la Conferenza Episcopale Italiana ha salutato infatti "la notizia dell'elezione del Cardinal Angelo Scola". Xi Jinping è stato eletto presidente della Repubblica Popolare Cinese. L’ambasciatore statunitense in Italia, David Thorne, elogia il Movimento Cinque Stelle: l'ira di Pd e Pdl. Oggi la decisione sui nuovi presidenti di Camera e Senato. Buongiorno, le notizie di giovedì 14 marzo 2013.

Prime Pagine "papali" del 14 marzo 2013

Jorge-Mario-Bergoglio-Papa-Francesco-I1-586x403-2IL PRIMO PAPA AMERICANO
Il primo Papa americano è il gesuita argentino Jorge Mario Bergoglio, 77 anni, arcivescovo di Buenos Aires. È una figura di spicco dell’intero continente e un pastore semplice e molto amato nella sua diocesi,che ha girato in lungo e in largo, anche in metropolitana e con gli autobus, nei quindici anni del suo ministero episcopale. «La mia gente è povera e io sono uno di loro», ha detto più di una volta per spiegare la scelta di abitare in un appartamento e di prepararsi la cena da solo. "Ai suoi preti - scrive l'Osservatore Romano - ha sempre raccomandato misericordia, coraggio apostolico e porte aperte a tutti. La cosa peggiore che possa accadere nella Chiesa, ha spiegato in alcune circostanze, «è quella che de Lubac chiama mondanità spirituale», che significa «mettere al centro se stessi». E quando cita la giustizia sociale, invita per prima cosa a riprendere in mano il catechismo, a riscoprire i dieci comandamenti e le beatitudini. Il suo progetto è semplice: se si segue Cristo, si capisce che «calpestare la dignità di una persona è peccato grave»." Link: Osservatore Romano

PERCHE' HA SCELTO IL NOME FRANCESCO
Nella storia della chiesa, nessuno ne aveva mai avuto il coraggio. E invece il coraggio di darsi per primo, da Papa, il nome del grande santo d’Assisi, l’ha trovato un gesuita, Jorge Mario Bergoglio, l’arcivescovo di Buenos Aires (e anche primo dell’ordine di Ignazio) salito al soglio di Pietro in una piovosa sera di marzo. Francesco è un nome impegnativo e amato, in Italia, perché san Francesco è il più importante dei suoi patroni. Ed è amato e diffuso anche nei paesi dell’America latina che, con l’argentino di orgine italiana Bergoglio, per la prima volta danno un Pontefice a Roma. Un Pontefice che è atteso da un compito molto difficile, almento tanto quanto quello di onorare il nome del santo di Assisi. Del giovane ricco e gaudente, del cavaliere esperto nel mestiere delle armi che scelse di diventare il poverello, di spogliarsi di tutto e di vivere la “perfetta letizia” che nasce, come lui insegnava, dalla carità, dall’umiltà, dall’imitazione di Cristo e dalla partecipazione alle sue sofferenze. Del poeta del “Cantico delle creature”, del santo della religiosità popolare che regalò alla tradizione cristiana il presepe, dopo aver voluto rappresentare a Greccio la natività vivente. Link: Il Foglio

vaticano-2GAFFE DELLA CEI, FA GLI AUGURI A SCOLA
L'elezione dell'argentino Jorge Mario Bergoglio al soglio petrino ha colto di sorpresa un po' tutti. Tra i papabili i nomi più ricorrenti erano quelli di Scola o Scherer, mentre il Conclave ha prodotto un risultato inatteso. E l'effetto sorpresa non ha risparmiato neanche la Cei, protagonista di una piccola gaffe. Nel testo del comunicato inviato via email a pochi minuti dall'Habemus Papam la La Conferenza Episcopale Italiana ha salutato infatti «la notizia dell'elezione del Cardinal Angelo Scola a Successore di Pietro». Nella nota allegata, invece, al posto del nome di Scola c'era quello, corretto di Bergoglio. "Sono a esprimere la gioia e la riconoscenza dell'episcopato e, quindi, dell'intera Chiesa italiana per l'elezione del Cardinale Giorgio Mario Bergoglio a Successore di Pietro", ha scritto monsignor Mariano Crociata. "Nell'emozione di questo momento - ha aggiunto - sperimentiamo una volta di più la profondità delle parole di congedo di Benedetto XVI, quando con Guardini ricordava che la Chiesa "non è un'istituzione escogitata e costruita a tavolino, ma una realtà vivente che vive lungo il corso del tempo, in divenire, come ogni essere vivente, trasformandosi" Link: Corriere

LA CINA ELEGGE IL "SUO PAPA"
Xi_Jinping-2Xi Jinping è stato eletto presidente della Repubblica Popolare Cinese. Il segretario generale del Partito comunista cinese è stato eletto dall'Assemblea nazionale del popolo, il Parlamento cinese. Con l' elezione di oggi si conclude l' ascesa di Xi Jinping, che compirà 60 anni tra tre mesi, al vertice della Cina. L' Assemblea Nazionale del Popolo, che lo ha eletto, sceglierà domani il nuovo governo, alla testa del quale andra il 58enne Li Keqiang. Si tratterà dell' ultimo atto del processo di successione, che in Cina si svolge ogni dieci anni e che era iniziato col 18/mo congresso del Partito Comunista, nel novembre scorso. E' la seconda volta che la successione si svolge in modo ordinato e senza sorprese, a dimostrazione che il Partito Comunista è riuscito a creare un meccanismo che è accettato da tutte le sue componenti. A sorpresa, Xi Jinping ha scelto come suo vice Li Yuanchao, considerato un riformista, preferendolo al favorito Liu Yunshan. Link: Repubblica

GLI USA STANNO CON GRILLO
Senza volere ha messo d’accordo (quasi) tutti. I partiti classici si sono uniti, dal Pd al Pdl, nella critica all’ambasciata Usa accusata di ingerenza nella vita politica italiana. A scivolare sul movimento 5 Stelle con la leggerezza di chi non è aduso alle sensibilità della politica italiana, è stato l’ambasciatore David Thorne. «Voi giovani — ha detto ieri agli studenti del Liceo Visconti di Roma — siete il futuro dell’Italia. Voi potete prendere in mano il vostro Paese e agire, come il Movimento 5 Stelle, per le riforme e il cambiamento». «Tocca a voi ora agire per il vostro Paese — ha continuato Thorne rivolgendosi in italiano ai ragazzi —, un Paese importantissimo nel beppe-grillo-3mondo. So che ci sono problemi e sfide in questo momento, problemi con la meritocrazia, ma voi potete prendere in mano il vostro Paese e agire, come il Movimento 5 Stelle, per le riforme e il cambiamento. Spero che molti di voi daranno un contributo positivo in questo senso». Apriti cielo. Link: Quotidiano.net

bersani-3-3PRESIDENZA DELLE CAMERE, OGGI LA DECISIONE
La decisione formale arriverà stasera quando alla Camera si riunirà l’assemblea dei deputati per assumere una linea il più possibile unanime, ma da una serie di segnali incrociati, Bersani e lo stato maggiore del Pd sarebbero pronti ad una mossa di grande impatto: il via libera a votare un esponente del Movimento 5 Stelle per la presidenza di Montecitorio. E di questi segnali di disponibilità, pur sofferta, del Pd, uno dei più significativi sembra essere il passo indietro del candidato favorito dei Democratici, cioè Dario Franceschini, che ha fatto sapere di non essere disponibile ad assumere quel ruolo neanche nel caso che i grillini facessero marcia indietro rinunciando alla posizione apicale. Al Senato, invece, dove l’assemblea Pd è convocata alle 18, la situazione è, se possibile, più complessa e dovrebbe portare, con tutti i condizionali del caso, a votare un candidato del Pd alla presidenza, e il nome più gettonato è quello di Anna Finocchiaro. Link: La Stampa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buongiorno Today | Perché Bergoglio ha scelto il nome "Francesco"

Today è in caricamento