rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Buongiorno Today

Buongiorno Today | Il gioco dei pacchi è pilotato, prime crepe nei Cinque Stelle

Le notizie di lunedì 18 marzo 2013

Mario Monti: "Se non ci fossero stati i nostri tre milioni di voti, Berlusconi avrebbe vinto le elezioni e oggi sarebbe lui a scegliere se tornare a Palazzo Chigi o farsi eleggere al Quirinale. "Il gioco dei pacchi? Pilotato per l'audience": è guerra tra Rai e Striscia la Notizia. Pesantissimo prelievo forzoso sui depositi bancari dei cittadini di Cipro. Un senatore grillino che ha votato per Grasso al Senato è pronto a dimettersi. Lo stop, per l'ambasciatore italiano in India, è confermato. Ed esteso almeno fino al due aprile. Crepe nella giunta Pisapia a Milano, il sindaco ha revocato l'incarico di assessore alla Cultura a Stefano Boeri, suo rivale due anni fa alle primarie del centrosinistra. Buongiorno le notizie di lunedì 18 marzo 2013.

Prima Pagina 18 marzo 2013

monti-mario-2MONTI: "GRAZIE A ME BERLUSCONI NON HA VINTO"
Mario Monti racconta la sua verità alla Stampa in un'intervista con Marcello Sorgi. La trattativa per le presidenze delle Camere, che lo ha visto potenziale candidato al Senato in una candidatura mai decollata, è stata più lunga e tortuosa del previsto. Monti non è pentito di essere entrato in politica?   "Me lo hanno detto in tanti e mi hanno fatto capire che se ne fossi rimasto fuori avrei potuto aspirare ad altre e più importanti collocazioni. Eppure non sono affatto pentito. Al contrario penso di aver realizzato, insieme a quelli che mi hanno aiutato a mettere su un partito in pochi giorni, un risultato importante: se non ci fossero stati i nostri tre milioni di voti, Berlusconi avrebbe vinto le elezioni e oggi sarebbe lui a scegliere se tornare a Palazzo Chigi o farsi eleggere al Quirinale. Quanto a Bersani, al centrosinistra e al tentativo di allearsi con M5S, dovrebbero pensarci bene: il cammino che abbiamo fatto insieme per ritrovare un posto in Europa è stato tutto in salita. Si fa presto a rimettere in gioco un patrimonio di credibilità per timore di un nuovo passaggio elettorale e per un pugno di voti. Spero che ci riflettano bene".  Link: La Stampa

"IL GIOCO DEI PACCHI ERA PILOTATO"
affari tuoi la vincita-2La  Rai perde quella che è stata definita "la guerra dei pacchi". E diventa un boomerang la querela dei notai di "Affari tuoi" contro "Striscia la notizia". È l'ultimo atto della battaglia giudiziaria con il tg satirico di Canale 5: la procura di Roma stabilisce che la trasmissione della Rai viene pilotata e di fatto consegna a viale Mazzini un altro "Tapiro d'oro". Lo fa rigettando la querela dei notai dello show della tv di Stato contro "Striscia", che da anni, anche per motivi di concorrenza, accusa la Rai di "brogli" durante la trasmissione lasciando alla fine i premi più ricchi in modo che gli ascolti salgano. Secondo i magistrati il gioco dei pacchi è stato "irregolare" e "assolutamente scorretto". Almeno per un certo periodo di tempo, "i concorrenti più accorti sono stati messi in grado di individuare i premi più sostanziosi".  E' quanto raccontano le carte depositate dal procuratore aggiunto Leonardo Frisani, che assolve dunque "Striscia" e chiede l'archiviazione della querela presentata dallo staff notarile di "Affari Tuoi" contro il programma Mediaset. Link: Repubblica

cipro-3PRELIEVO FORZOSO DAI CONTI DEI CIPRIOTI
Fa discutere l'accordo raggiunto dai ministri delle Finanze dell'eurozona che prevede, in cambio di un piano di aiuti per circa 10 miliardi di euro al governo di Cipro, un pesante prelievo sui depositi bancari. Dalle prime ore del giorno, lunghe file di persone, a piedi e in auto, si sono create davanti agli sportelli bancomat per effettuare prelievi di contante. La rabbia è tanta perché era stato promesso che i risparmi non sarebbero stati toccati. Tra la gente in coda c'è stata tanta rabbia contro il precedente presidente della Repubblica, il comunista Demetris Christofias, accusato di aver temporeggiato e non aver preso tempestive misure contro la crisi imminente. Ma non sono mancati rimproveri al nuovo capo dello Stato, Nikos Anastasiades (centro-destra), che in campagna elettorale aveva più volte promesso "che i risparmi in banca non sarebbero mai stati toccati". Il presidente cipriota ha spiegato che il prelievo sui depositi è stata una decisione "dolorosa" da prendere ma necessaria per ottenere gli aiuti finanziari internazionali ed "evitare la bancarotta". Link: Il Fatto

SENATORE CINQUE STELLE PRONTO A DIMETTERSI
giuseppe_vacciano-2-2Prime ammissioni nel Movimento 5 Stelle. Dopo l'anatema di Beppe Grillo contro coloro che sabato hanno votato a favore dell'elezione di Piero Grasso alla presidenza del Senato ("se qualcuno... ...ha mentito agli elettori, spero ne tragga le dovute conseguenze") arriva su Facebook il "mea culpa" di Giuseppe Vacciano. "Lunedì e martedì sarò a Roma per discutere l'opportunità delle mie dimissioni", scrive Vacciano sul social media, ammettendo di aver votato per Grasso. "Se si cercano i colpevoli di 'alto tradimento ai principi del M5S', ecco, uno l'avete trovato". "Nel mio futuro, se non sarà tra i cittadini del M5S, non ci saranno 'gruppi misti' o gruppi di altri colori. La parola su cui si deve decidere è dimissioni sì o no", prosegue Vacciano, 40 anni, napoletano di origine ma eletto nel Lazio. "Nessuno mi ha fatto 'propostè, 'offerte' o ha tentato di 'comprare' il mio voto. Nessuno, se non me stesso e la mia coscienza, è responsabile della mia scelta", aggiunge Vacciano, che prima di entrare in Parlamento faceva l'impiegato alla Banca d'Italia. Link: Corriere

marò-2-5MARO', AMBASCIATORE ANCORA BLOCCATO IN INDIA
Lo stop, per l'ambasciatore italiano in India, è confermato. Ed esteso almeno fino al due aprile. Non si terrà conto della sua immunità diplomatica. La Corte suprema ha rinviato la riunione che doveva affrontare il caso del mancato rientro a New Delhi dei due marò italiani. Daniele Mancini non era presente all'udienza, cui ha partecipato un team legale guidato dall'avvocato indiano Mukul Rohatgi. Il presidente della Corte Suprema Altamas Kabir ha chiarito di non volersi esprimere sul non ritorno del marò fino alla scadenza del permesso il 22 marzo. La Corte Suprema indiana giovedì scorso aveva già ordinato al massimo rappresentante dell'Italia di non lasciare il Paese dopo la decisione del governo di Roma di non far rientrare in India i due marò, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, accusati dell'omicidio di altrettanti pescatori. Link: Repubblica

MILANO, PISAPIA "LICENZIA" BOERI
pisapiaIl sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, ha revocato l'incarico di assessore alla Cultura a Stefano Boeri, suo rivale due anni fa alle primarie del centrosinistra per la candidatura a primo cittadino del capoluogo lombardo, dopo l'ennesimo diverbio registrato nell'ultima seduta di Giunta di venerdì scorso sulle spese per le mostre. Lo comunica lo stesso Boeri sul suo profilo Facebook. Pisapia ha deciso di nominare tre nuovi assessori: Francesca Balzani al Bilancio, Carmela Rozza ai Lavori pubblici e Filippo Del Corno alla Cultura. Il sindaco Pisapia interverrà lunedì in Consiglio comunale, si legge in una nota. "Pochi minuti fa, nel corso di un incontro a Palazzo Marino (sede comunale, ndr), il sindaco di Milano Giuliano Pisapia ha revocato il mio incarico di assessore del Comune di Milano. In questi due anni ho fatto del mio meglio - insieme ai colleghi di Giunta, ai dirigenti, ai consulenti e agli uffici del mio assessorato - per rilanciare la cultura a Milano", dice Boeri. Link: Corriere

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buongiorno Today | Il gioco dei pacchi è pilotato, prime crepe nei Cinque Stelle

Today è in caricamento