rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022

Buongiorno Today | Cavallo o manzo? Guai per la Nestlé. La Cina lancia la sfida agli Usa

Le notizie di Martedì 19 Febbraio 2013

Carne di manzo spacciata per cavallo, un test del Dna costringe la Nestlé a ritirare dai mercati italiani e spagnoli i propri ‘Ravioli di Brasato Buitoni’ e ‘I Tortellini di Carne’. Urbano Cairo pronto ad avanzare un’offerta definitiva per l’acquisto di La7 srl: battuta la concorrenza del gruppo Clessidra e di Della Valle. Infiamma la campagna elettorale mentre girano in rete false leggende sulla situazione di crisi vissuta dalla Grecia. Big is beatiful, la Cina punta in grande e sfida gli Usa attraverso la cosiddetta ‘economia dei galeotti incatenati’. Buongiorno con le notizie di Martedì 19 Febbraio 2013.

Prima Pagina 19 Febbraio 2013

SCANDALO CARNE DI CAVALLO, UN TEST DEL DNA INCHIODA LA NESTLE’
tortelloni_nestle_marka-258x258-2Nelle ultime ore la Nestlé, la più grande azienda di prodotti alimentari del mondo, è stata costretta a ritirare dai mercati italiani e spagnoli i propri ‘Ravioli di Brasato Buitoni’ e ‘I Tortellini di Carne’: colpa della carne di cavallo, spacciata invece per 100% manzo. In seguito a dei test del Dna, eseguiti sulla carne in questione, sono emerse infatti tracce di cavallo pari a poco più del 1%. Nessun commento da parte della multinazionale, che precipita nel ciclone di questo scandalo nato in Gran Bretagna con il caso della lasagne Findus. Corriere della Sera

LA7 IN VENDITA, CAIRO PRONTO A PRESENTARE UN’OFFERTA
TYP-434018-4405525-urbano_cairo01g_1-2“Il Cda Telecom ha esaminato le offerte ed ha approvato l'avvio di una fase di negoziazione in esclusiva con Cairo Communication per la cessione dell'intera partecipazione in La7 Srl con l'esclusione della quota di MTV Italia (51%) detenuta dalla stessa La7”. Con questo chiaro comunicato l’azienda ha passato la palla in mano all’editore Urbano Cairo (proprietario di DiPiù e Diva, ndr), che dovrebbe presentare un’offerta definitiva entro le prossime due settimane. Sbaragliata quindi la concorrenza del gruppo Clessidra (con a capo il finanziere Claudio Sposito, ndr) e del gruppo di Diego Della Valle, che avrebbe inutilmente chiesto più tempo al fine di mettere insieme una cordata italiana per rilevare il gruppo televisivo. La Repubblica

CONFRONTO TV, BERLUSCONI RIFIUTA MONTI E INVITA BERSANI
monti-bersani-berlusconi-2Il confronto a tre invocato nei giorni scorsi da Mario Monti, rifiutato da Berlusconi e poi riproposto dallo stesso cavaliere al solo leader del Pd sta accendendo gli animi in questa cavalcata finale verso il voto. Le elezioni politiche sono ormai prossime e per gli elettori diminuiscono le possibilità di vedere Bersani, Monti e Berlusconi sullo stesso palco prima di recarsi alle urne. Monti definisce intanto ‘totalmente irrilevante’ il blocco avanzato da Berlusconi mentre Bersani ha chiarito “che se lo facciamo, lo facciamo tutti quanti”. Ingroia: “Sarebbe solo un balletto, un apparente confronto, una finzione tra politici che fino a poco fa erano insieme ed hanno condiviso le stesse scelte politiche. E’ normale quindi che vogliano sottrarsi da chi, come il sottoscritto, possa metterli in difficoltà”. Il Fatto Quotidiano

LA LEGGENDA DELLA GRECIA IN FIAMME: UNA BUFALA
manifestazione-atene-tf-ap-258-2Pastori che distribuiscono gratis yogurt prodotto anziché consegnarlo a una fantomatica multinazionale tedesca, rapinatori di supermarket che dividono il bottino con la povera gente in strada e commessi che guardano indifferenti mentre dei poveracci svaligiano i negozi: queste immagini sono state raccontate in un articolo diffuso sul web pochi giorni fa. Nell’articolo si parla infatti dei disagi che la Grecia starebbe affrontando dall’avvento della crisi economica: disagi enormi e certificati dai media mondiali, ma comunque ben diversi da quelli descritti nell’articolo incriminato. Bufala finalizzata a fare il boom sui motori ricerca o menzogne mescolate a mezze verità? La domanda non è del tutto risolta, intanto un commentatore greco che ha preferisce rimanere anonimo ha commentato al Sole 24 Ore: “Se devo attribuire un merito all'autore di queste scemenze, è quello di essersi ricordato dei greci e delle ingiustizie che si consumano sulla loro pelle”. Il Sole 24 Ore

MULTINAZIONALI GIGANTI: LA CINA SFIDA GLI USA
cina-catena-2Il ministero dell’industria cinese ha rivelato l’obiettivo per i prossimi anni: creare gigantesche multinazionali in grado di competere con i mercati globali, soprattutto con gli States. ‘Big is Beatiful’, suggerisce Linkiesta, potrebbe essere il motto di tale scelta, finalizzata a trasformare la Cina nella più grande fabbrica del mondo di merci di bassa qualità e innovatrice nell’ambito della tecnologia. Secondo il sociologo filippino Walden Bello la crescita sarebbe però legata a doppio filo all'economia degli Usa, in base ad un modello definito chain-gang economics o economia dei galeotti incatenati: da un lato gli Usa dovrebbero consumare sempre più, dall’altro la Cina aumenterebbe invece i volumi di produzione a basso costo in modo far indebitare gli States per poi comprare tale debito, permettendo quindi di riprodursi. “Se uno dei due galeotti incatenati cade – spiega il sociologo -, si tira dietro l’altro: creditore e debitore vivono in osmosi”. Linkiesta

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buongiorno Today | Cavallo o manzo? Guai per la Nestlé. La Cina lancia la sfida agli Usa

Today è in caricamento