rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Buongiorno Today

Buongiorno Today | Milano, ucciso il boss Tatone. Roma in piazza contro l'omofobia

Le notizie e le prime pagine di oggi

Decadenza di Berusconi, Letta non si espone ma il governo è in bilico. Faida a Milano, ucciso il boss Pasquale Tatone, fratello di Emanuele, ucciso domenica scorsa. Un sit-in nella 'Gay Street' di Roma per chiedere al governo di approvare urgentemente un decreto legge contro l'omofobia. I cadaveri di 87 migranti (48 bambini) sono stati scoperti oggi nel deserto del Niger a una decina di chilometri dalla frontiera con l'Algeria. In Libia le milizie cercando di prendere il controllo dei siti petroliferi, timori in Europa. Ryder Hesjedal, vincitore l’anno scorso del Giro d’Italia, ha ammesso di essersi dopato. Buongiorno, le notizie di giovedì 31 ottobre 2013.

Prima Pagina 31 ottobre 2013

berlusconi-piange-3-2BERLUSCONI, SU DECADENZA TRABALLA IL GOVERNO
"Al termine dell’ennesima giornata di passione - scrive La Stampa -  a palazzo Chigi hanno sigillato ogni spiffero e la parola d’ordine era una sola: per Enrico Letta in queste ore l’imperativo categorico è stata «separazione» chirurgica tra questioni di governo, pendenze giudiziarie di Berlusconi e regolamenti parlamentari. Come dire: il presidente del Consiglio non si è immischiato nella delicata questione che ha condotto alla modifica della prassi senatoriale sulle votazioni sulle persone. Certo, ieri sera, a chi lo ha visto lasciare palazzo Chigi, Enrico Letta non è apparso preoccupato, anche perché i frondisti del Pdl continuano a giurare al premier sulla tenuta dei 24 senatori “alfaniani”. decisivi per rendere il governo autosufficiente da Berlusconi" Link: La Stampa

MILANO, UCCISO IL BOSS PASQUALE TATONE
faida-2Un uomo è stato ucciso a colpi di arma da fuoco nel quartiere Quarto Oggiaro, a Milano. Secondo quanto riferito dalla polizia si tratta del boss Pasquale Tatone, fratello di Emanuele, ucciso domenica scorsa in un campo al confine con Novate Milanese assieme al suo autista Paolo Simone. Tatone è stato ucciso attorno alle 22.30 nella sua auto all’altezza di via Pascarella 11, a Quarto Oggiaro. Secondo quanto riferito da fonti investigative, pare che la vittima sia stata colpita dall’esterno dal lato del guidatore. Era appena entrato in macchina dopo aver visto una partita in un locale poco distante. Alcuni testimoni hanno raccontato di aver visto accanto alla vettura grosse cartucce che potrebbero appartenere a un fucile. Link: Il Giorno

aggressione-gay-omofobia-2ROMA IN PIAZZA CONTRO L'OMOFOBIA
Un sit-in nella 'Gay Street' di Roma per chiedere al governo di approvare urgentemente un decreto legge contro l'omofobia. Sono centinaia le persone scese in piazza questa sera, all'ombra del Colosseo, portando un fiore giallo «contro le solitudini e le discriminazioni». Il mondo gay della Capitale si mobilita dopo il suicidio di Simone, il giovane romano di 21 anni che si è tolto la vita nella notte tra sabato e domenica dopo avere scritto una lettera in cui diceva di avere subito vessazioni perché gay. In piazza anche politici: dal candidato alla segreteria del Pd Gianni Cuperlo al vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio. La manifestazione è iniziata con un minuto di silenzio in ricordo di Simone. In tanti hanno portato candele e fiori gialli per ricordarlo. Sul palco allestito con sfondo Colosseo campeggia la scritta 'Gli omofobi facciano i conti con la propria coscienza'. Link: Il Messaggero

STRAGE DI MIGRANTI NEL DESERTO
desertotenere-2I cadaveri di 87 migranti sono stati scoperti oggi nel deserto del Niger a una decina di chilometri dalla frontiera con l'Algeria. Le vittime - 7 uomini, 32 donne e 48 bambini - si aggiungono a cinque corpi dello stesso gruppo scoperti giorni fa dall'esercito nigerino. Sono tutti morti a inizio ottobre, nel corso di un viaggio verso l'Algeria iniziato a fine settembre, secondo una fonte della sicurezza di alto grado. "I corpi - ha raccontato Almoustapha Alhacen, responsabile dell'Ong "Aghir In'man" ("Scudo umano" in lingua tuareg, ndr) che si è recato sul posto - sono decomposti, è orribile. Li abbiamo trovati sparsi nel raggio di 20 chilometri, divisi in piccoli gruppi. Sotto gli alberi o sotto il sole. A volte madri con i figli, altre bambini completamente soli". Link: Repubblica

libiaL'ITALIA TEME CHE FINISCA IL PETROLIO DELLA LIBIA
Da almeno quattro mesi ormai in Libia i siti di produzione gas dell’Eni sono a rischio, poiché le varie fazioni - armate - che si contendono il Paese usano gas, petrolio e anche acqua come strumenti di pressione politica. Il caso più famoso è quello del sito di Tobruk, non attivo appunto da quattro mesi ma che, riferiscono fonti diplomatiche a Tripoli, potrebbe riaprire già la prossima settimana, e il più recente è quello dell’attacco, la settimana scorsa, a una nave Eni nel porto di Mellitah, in Tripolitania. Sette settimane fa il gasdotto di Wafa ha dovuto dimezzare il gas che approda in Sicilia. Ma i mesi peggiori sono stati quelli del Ramadan, quando acqua ed elettricità venivano tagliate proprio per creare disagi alla popolazione. Il grave rischio della situazione libica, racconta un’alta fonte diplomatica che lavora sul campo, «è che ormai qualunque protesta anche improvvisata prende di mira i siti di produzione di energia» Link: La Stampa

ciclismo-2CICLISMO E DOPING, ABBRACCIO MORTALE
Ryder Hesjedal, vincitore l’anno scorso del Giro d’Italia, ha ammesso di essersi dopato. «Ho amato e amo questo sport, ma più di dieci anni fa ho scelto la strada sbagliata». La confessione del canadese arriva dopo le accuse di Dane Michael Rasmussen che, nella sua autobiografia «Yellow Fever», (in uscita lunedì prossimo ma anticipata, in alcuni passaggi, dal giornale danese «Politiken»), Rasmussen aveva confessato di avere fatto uso di sostanze illecite tra il 1998 al 2010. Raccontando anche di aver insegnato a Ryder, allora giovane talento della mountain bike, e ad altri due nordamericani, Seamus McGrath e Chris Sheppard, a far uso di Epo. Nel suo libro, Rasmussen ha ammesso di non aver mai visto Hesjedal ricorrere a prodotti illeciti, ma di averlo istruito in materia di doping nel 2003, anno in cui il nordamericano ambiva a partecipare alle Olimpiadi di Atene 2004 Link: Corriere

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buongiorno Today | Milano, ucciso il boss Tatone. Roma in piazza contro l'omofobia

Today è in caricamento