rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Buongiorno Today

Buongiorno Today | Il primo giorno del nuovo Pd

Le notizie e le prime pagine di oggi

Matteo Renzi è il nuovo segretario del Partito Democratico: "Tocca a noi". Oltre il 70 per cento in Toscana, Marche, Umbria ed Emilia-Romagna. Nelle regioni rosse Matteo Renzi ha costruito più che altrove la propria vittoria. Il mondo si prepara a salutare per l'ultima volta Nelson Mandela, allarme sicurezza per i funerali. Alta tensione in Ucraina, mezzo milione di persone in piazza. Scontro al vertice del potere in Corea del Nord, rimosso Jang Song-thaek, zio e "tutore" del leader Kim Jong-un. Paolo Sorrentino sogna l'Oscar per "La grande bellezza". Buongiorno, le notizie e le prime pagine di lunedì 9 dicembre 2013.

Prima Pagina 9 dicembre 2013

renzi-7-22IL PRIMO GIORNO DEL NUOVO PD
Tutti i quotidiani nazionali dedicano ampio spazio in apertura ai risultati delle primarie del Pd. Matteo Renzi è il nuovo segretario del Partito Democratico. I risultati ufficiali, a spoglio quasi ultimato, lo accreditano del 67,8% dei consensi. Lontanissimi i suoi avversari: Gianni Cuperlo si ferma al 18%; Giuseppe Civati al 14,3%. Sarà dunque lui, già da lunedì, ad avere le chiavi del Nazareno. «Tocca a noi - ha detto nel suo discorso di ringraziamento, il primo da leader del Pd -. Tocca ad una nuova generazione . E questa volta il cambiamento sarà vero». Link: Corriere

RENZI TRIONFA NELLE "REGIONI ROSSE"
partito_democratico_PD-2Oltre il 70 per cento in Toscana, Marche, Umbria ed Emilia-Romagna. Nelle regioni rosse Matteo Renzi ha costruito più che altrove la propria vittoria alle primarie del Partito democratico. Ancora una volta, è da quei luoghi che la domanda di cambiamento è emersa in maniera più netta. Lì la sinistra tradizionale ha cominciato a cedere il passo inizialmente alla Lega nord, poi al grillismo. Da lì è venuta la reazione più forte nel momento in cui il Pd bersaniano si stava infilando nel cul de sac dell’elezione del presidente della repubblica, dal quale poi non è più uscito. Quelle feste hanno sancito la scorsa estate l’accoglienza definitiva di Renzi nel “popolo” del Pd, dopo anni in cui era stato vissuto come un oggetto estraneo. Link: Europa

stadio fnb johannesburg4-2FUNERALI DI MANDELA, ALLARME SICUREZZA
Il mondo si prepara a salutare per l'ultima volta l'ex presidente sudafricano e premio Nobel per la Pace Nelson Mandela. Saranno circa 60 i capi di Stato e di governo presenti in Sudafrica alla cerimonia solenne che si terrà in suo onore nello stadio FNB di Johannesburg, e ai funerali a Qunu- La logistica di questo avvenimento inusitato è un incubo e anche la sicurezza è a rischio. Gli uomini della security di Obama sono costretti a muoversi in un contesto che non ha precedenti. Lo Fnb Stadium, il più grande dell’Africa, che prende il nome dalla banca sudafricana che lo ha finanziato, sorge tra Johannesburg e Soweto, cioè nel cuore di una delle massime concentrazioni demografiche africane Link. Rainews

MEZZO MILIONE IN PIAZZA A KIEV
le-3A farne le spese è stato Lenin, simbolo della Russia, abbattuto a martellate a Kiev. Non c'è più solo l'Europa al cuore della protesta che domenica ha riportato nelle strade di Kiev centinaia di migliaia di ucraini. I leader dell'opposizione ne avrebbero voluti un milione, il ministero degli Interni parla di centomila manifestanti e c'è chi ne ha contati 600 mila. In ogni caso, tra barricate e accampamenti, la pressione della piazza sul governo non si allenta. Link: Sole 24 Ore

jongun-2SCONTRO AL POTERE IN COREA DEL NORD
Ci sono voluti cinque giorni, ma alle fine anche le autorità nordcoreane hanno confermato la notizia fatta trapelare dai servizi segreti della Corea del Sud: il Politburo del partito unico ha rimosso Jang Song-thaek, zio e «tutore» del leader Kim Jong-un: è stato privato di incarichi e titoli per «atti criminali», «attività doppiogiochiste» e per «essere stato contaminato dal modo di vivere capitalistico». A sancire quello che è stato definito come il più grosso cambiamento politico degli ultimi due anni, è stata l’agenzia nordcoreana Kcna. Link: Corriere

SORRENTINO SOGNA L'OSCAR
Paolo+Sorrentino1-2"I concorrenti erano di tutto rispetto - scrive La Stampa -  e lui di vincere non se l’aspettava proprio: «Questo premio dall’Europa è una grande gioia - dice Paolo Sorrentino in viaggio da Marrakech a Roma, all’indomani della vittoria agli Efa -. Gli altri film in corsa erano molto forti ed era quasi naturale che a vincere fossero loro. Sono davvero sorpreso». Tra questi anche alcuni dei titoli che potrebbero entrare nella cinquina degli Oscar 2014, ma su questo tema, Paolo Sorrentino, napoletano doc e quindi scaramantico, non aggiunge una parola. Link: La Stampa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buongiorno Today | Il primo giorno del nuovo Pd

Today è in caricamento