rotate-mobile
Sabato, 20 Agosto 2022

Il padre di Vanessa Russo: "Pena di morte per chi ha ucciso mia figlia"

"Doina Matei? Ci vuole la pena di morte. Ha ammazzato mia figlia con cattiveria e crudeltà, è un'assassina, per noi le sue foto sono una pugnalata" dice il padre di Vanessa Russo

Parole durissime, che faranno discutere. "Doina Matei? Ci vuole la pena di morte. Ha ammazzato mia figlia con cattiveria e crudeltà, è un'assassina, per noi le sue foto sono pugnalata". Il rancore che esce da queste parole è quello di Giuseppe Russo, padre di Vanessa, e segue la vicenda mediatica che ha coinvolto l'assassina di sua figlia, ora in carcere alla Giudecca a Venezia.

Era il 2007 e quel giorno la metropolitana di Roma divenne teatro di un omicidio brutale. Per futili motivi due ragazze di 23 anni iniziarono ad avere un diverbio. Sembra che Doina Matei avesse sbattuto contro Vanessa Russo, una sua coetanea, da lì la situazione degenerò. In un lampo la ragazza dell'est imbracciò l'ombrello e trafisse un occhio di Vanessa che morì poco dopo in ospedale sotto gl'occhi del fratello Simone. Per futili motivi quindi Doina Matei uccise una sua coetanea e venne condannata a 16 anni di reclusione per omicidio preterintenzionale.

Nei giorni scorsi Doina, dopo solo 9 anni, era tornata in semi libertà a Venezia, con l'obbligo di ritorno nel carcere femminile de La Giudecca ogni sera. Una sua foto postata su facebook però, ha sollevato un polverone mediatico, tanto che il giudice di sorveglianza di Venezia ha sospeso la semilibertà.

Le foto in bikini dell'assassina però hanno nuovamente sconvolto le giornate di chi quel giorno del 2007 ha visto morire la propria figlia. Giuseppe Russo, il padre della vittima, intervistato da La Zanzara su Radio 24, ha espresso tutto il ruo rancore contro la ragazza dell'est. "Io sono favorevole alla pena di morte.  - ha dichiarato telefonicamente Giuseppe - Ci vuole. Lo direi anche se non ci fosse mia figlia di mezzo. Gli ha dato un colpo con la punta dell'ombrello - ha continuato il padre - con violenza, con forza, prendendo la mira. E' entrata tutta la punta. Gli avvocati possono dire quello che vogliono, ma la punta dell'ombrello è entrata di dieci centimetri. La Matei ha ammazzato mia figlia con cattiveria e crudeltà. E a noi quelle foto hanno fatto molto male, sono state una pugnalata, lei ha pure messo il dito in senso di vittoria: sono fuori, ce l'ho fatta, ho vinto io. Ed effettivamente è così".

Fonte: VeneziaToday →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il padre di Vanessa Russo: "Pena di morte per chi ha ucciso mia figlia"

Today è in caricamento