Giovedì, 5 Agosto 2021

Il racconto del pensionato Adriano: "In Tunisia vivo bene con meno di mille euro al mese"

Libero riporta la testimonianza di un infermiere torinese in pensione che ha deciso di andare a vivere "da gran signore" in Tunisia

Adriano Martelli è uno dei tanti italiani in pensione che ha deciso di andare all'estero. Ha scelto la Tunisia, dove l'equivalente della sua pensione è di circa 2400 dinari, con il quali può vivere da "gran signore". 

Racconta a Libero:

"Io abito in riva al mare, con tutti i comfort, due condizionatori, riscaldamento per l' interno se fa freddo, due camere, un bel salone, un bagno, era già arredato quando sono entrato. L' affitto costa 550 dinari al mese, l' equivalente di 200 euro, poco più. L' appartamento è di quasi 80 metri quadri più 90 di giardino, ho il mio orticello, le tartarughe, la palma".

Per trent'anni ha lavorato in Italia come infermiere, poi la pensione: 880 euro, di cui 450 se ne andavano per l'affito più le spese di un monocamera a Borgo San Paolo, Torino. I soldi non bastavano e così Adriano ha trovato un altro lavoretto extra in un call center, poi la decisione di trasferirsi in Tunisia. All'inizio non è stato facile prendere quella decisione, ma oggi ammette: "Io indietro non torno. Ho solo una figlia, che vive a Torino, avevo un fratello, ma è mancato troppo presto, i miei amici li sento al telefono, loro stentano a credere a quello che gli racconto". 

In Tunisia Adriano ha trovato anche una compagna, una maestra che ha 35 anni meno di lui, ma mette in guardia i suoi coetanei italiani: "Ai maschi che vengono qui dico state attenti, le donne vi diranno che vi amano da pazzi, pur di sposarsi e scappare via, non bisogna farsi fregare. Mariam ha studiato e viene da una bella famiglia, a me non è successo, ma ne ho visti di uomini che hanno dilapidato i risparmi di una vita".

La Tunisia non è il paese di Bengodi, corruzione e criminalità esistono anche qui, eppure "a far davvero vacillare la convinzione di rimanere in Italia però ci pensano le tasse". 

Ma lo sa che in Italia in questi giorni si discute di voi pensionati all' estero? -lo provoco- Tito Boeri, il presidente dell' Inps, dice che l' anno scorso sono stati versati ben 373mila assegni in 160 paesi per pensionati che in realtà hanno pagato pochi anni di contributi in Italia. Una vera anomalia che tra l' altro danneggia i consumi, visto che i soldi li spendete in altri paesi, lei cosa risponde?

"Noi i nostri soldi li abbiamo già versati, caro Boeri, ce li lasci spendere dove vogliamo e si preoccupi piuttosto di come vivono i pensionati rimasti in patria. Ho fatto 33 anni di lavoro in Italia, cosa devo ancora a questo paese?".

Fonte: liberoquotidiano.it →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il racconto del pensionato Adriano: "In Tunisia vivo bene con meno di mille euro al mese"

Today è in caricamento