Martedì, 21 Settembre 2021

Allarme tossine nella polenta: ritirate seimila confezioni dal mercato

Allarme glutine e soprattutto micotossine: sequestrate dagli scaffali più di seimila confezioni di polenta bresciana istantanea a marchio "Iris", prodotta dall'azienda La Grande Ruota di Dello

Foto di repertorio

Polenta bresciana potenzialmente “pericolosa per la salute pubblica”: in particolare per i celiaci o gli allergici specifici, causa un’elevata presenza di glutine, ma in generale a tutti i consumatori per la presenza di micotossine, una sostanza considerata tossica e pure cancerogena. Solo poche ore fa il blitz dei Carabinieri Forestali di Macerata insieme al Nucleo Antisofisticazione di Ancona. Nel mirino dei militari ci sono due lotti di polenta istantanea “Iris”, prodotta nello stabilimento La Grande Ruota di Dello per l’azienda Astra Bio con sede a Calvatone, nel cremonese.

In tutto - scrive BresciaToday - sarebbero circa seimila le confezioni che dovrebbero essere ritirate dal mercato: le analisi infatti parlano chiaro, il valore di glutine rilevato sarebbe addirittura venti volte superiore al limite di legge. Non solo glutine: come detto, sarebbe stata rilevata la presenza di micotossine.

Ecco i lotti che sono stati ritirati dal commercio: polenta istantanea bio Iris 500 grammi (lotto 05 10 17) e polenta istantanea bio Iris 500 grammi lotto 10 12 17. Sono oltre seimila confezioni: anche l’azienda, di concerto con i supermercati in cui si vende, sta provvedendo al ritiro della merce considerata a rischio. Chiunque l’abbia acquistata, questo l’appello dei militari, è pregato di controllare di che lotto si tratti, e comunque di non consumarla ma di restituirla immediatamente al punto vendita più vicino, oppure dove l’ha acquistata.
 

Fonte: BresciaToday →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme tossine nella polenta: ritirate seimila confezioni dal mercato

Today è in caricamento