Mercoledì, 3 Marzo 2021
Padova

Il poliziotto: "Donerò una parte del mio stipendio a chi adesso ne ha bisogno"

Un agente delle forze dell'ordine scrive una lettera al Corriere del Veneto per annunciare che donerà soldi a quelle categorie che attualmente sono in difficoltà a causa delle chiusure predisposte dall'ultimo Dpcm

Un poliziotto ha scritto oggi una lettera al Corriere del Veneto per annunciare che donerà parte del suo stipendio a chi ha bisogno, ovvero a quelle categorie che attualmente sono in difficoltà a causa delle chiusure predisposte dall'ultimo Dpcm. Ecco la lettera: 

Gentile direttore, faccio parte di una categoria professionale talvolta stimata, spesso attaccata, privilegiata sempre: quella del dipendente pubblico, di appartenente alle forze dell’ordine, nello specifico. Abbiamo molti privilegi, è vero: salvo casi molto gravi non veniamo licenziati, se ci ammaliamo riceviamo comunque lo stipendio, la stessa cosa quando prendiamo un periodo di ferie.

[...] Sia chiaro, esprimere il malcontento e la disperazione in modo violento è, e rimarrà sempre, un atto da condannare fermamente! In un momento storico nel quale la loro sopravvivenza - mi riferisco a quella degli altri (imprenditori e artigiani e liberi professionisti e lavoratori dello spettacolo e tutti coloro che ora dimentico) - è messa a rischio da un nemico non consueto e, forse, più pericoloso di quelli che conosciamo, credo che mio e nostro compito sia quello di continuare a proteggerli, seppure in un modo diverso.

Non so che impatto potrà avere, sicuramente non sarà sufficiente, ma se tutti noi dipendenti della pubblica amministrazione rinunciassimo a poche decine di euro del nostro stipendio, un po’ di sollievo agli altri, forse, lo potremmo dare; in attesa, e con la speranza, che possa arrivare presto il momento nel quale noi e gli altri non esisteranno più. Per questo chiedo, a gran voce, a coloro che possono prendere tale decisione – magari impopolare, me ne rendo conto - di consentirmi di aiutare chi ha bisogno di me, e di farlo, questa volta, disarmato ed in abiti civili.

Nella certezza che se tutti stiamo meglio, stiamo meglio tutti.

Il virus taglia gli stipendi di 300 euro al mese

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il poliziotto: "Donerò una parte del mio stipendio a chi adesso ne ha bisogno"

Today è in caricamento