Lunedì, 12 Aprile 2021
Il delitto / Stati Uniti d'America

Non vuole mettere la mascherina e uccide un poliziotto durante una partita di basket

In manette il 35enne John Shallerborn. Ha sparato due colpi contro l'agente Martinus Mitchum, morto sul colpo. Poco prima aveva anche messo a segno una rapina ai danni di un 39enne

Non voleva indossare la mascherina e a chi ha osato chiederglielo ha risposto con dei colpi d'arma da fuoco. È stato assassinato così un poliziotto a Tulane, New Orleans nel bel mezzo di una partita di basket. A perdere la vita è stato l'agente Martinus Mitchum assassinato dal 35enne John Shallerborn. La tragedia si è consumata venerdì all'esterno della palestra della George Washington Carver High School. Era in corso una partita di basket di liceo durante la quale stava prestando servizio di sicurezza l'agente Mitchum. All'ingresso si è presentato il 35enne che pretendeva di entrare in palestra senza la mascherina. A sbarrargli la strada, impedendogli di assistere all'evento sportivo, era stato un impiegato della scuola.

L'intervento del poliziotto e l'omicidio 

Shallerhorn non l'ha presa bene e ha cominciato a protestare e dimenarsi. Così ne è nata una colluttazione che ha reso necessario l'intervento dell'agente di polizia. Il poliziotto l'ha scortato fuori dal palazzetto e il 35enne sembrava essersi arreso al fatto che non potesse più entrare a vedere la partita. Proprio mentre si stava allontanando ha però estratto una pistola e ha sparato due colpi all'agente. Subito dopo ha posato l'arma a terra e ha lasciato che i colleghi del poliziotto ferito lo fermassero. A dare una ricostruzione dei fatti è stato il New Orleans police department che ha raccontato l'esatta dinamica dei fatti dopo aver ascoltato le testimonianze delle persone presenti sul posto. Insieme all'agente ferito, di turno all'evento c'era anche un secondo agente che solitamente svolge il proprio servizio presso il tribunale cittadino.

Le parole del capo della polizia 

A parlare della morte del poliziotto è stato direttamente il capo della polizia di Tulane, Kirk Bouyelas: “Siamo profondamente rattristati dalla morte insensata e tragica del caporale Martinus Mitchum del Tupd. Il caporale Mitchum era un professionista della polizia dedicato che aveva a cuore servire la comunità di Tulane. Abbiamo contattato la sua famiglia e stiamo fornendo supporto ai suoi colleghi ufficiali durante questo periodo difficile. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con la sua famiglia e con tutti i colleghi ufficiali con cui ha servito”. Queste le parole di Bouyelas all'indomani della tragedia. Il dipartimento di polizia ha fornito anche ulteriori dettagli sul 35enne arrestato.

La rapina pochi minuti prima 

L'uomo nello stesso giorno non ha commesso solo il tragico delitto. Secondo la ricostruzione degli investigatori, Shallerhorn aveva messo a segno anche una rapina a mano armata. Aveva avvicinato un uomo di 39 anni seduto all'interno della sua auto in un parcheggio. Gli ha puntato la pistola e ha rubato la sua collana. Con la stessa arma ha poi tolto la vita all'agente. Sul passato del 35enne grava anche un'altra accusa molto grave. Nell'agosto 2019 era stato accusato di molestie su minori. L'ufficio del procuratore distrettuale non ha però dato corso a questa accusa. Adesso deve rispondere di omicidio volontario e rapina a mano armata.

Fonte: The Sun →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non vuole mettere la mascherina e uccide un poliziotto durante una partita di basket

Today è in caricamento