Venerdì, 24 Settembre 2021

Il paese italiano rimasto 'in silenzio': “Da un anno non funzionano i telefoni”

Succede in una frazione di Ponte Nizza, in provincia di Pavia, dove dall'11 dicembre del 2017 le linee telefoniche sono fuori uso a causa dei danni provocati dal maltempo. Una situazione paradossale che ancora non è stata risolta

Foto di repertorio

Esiste la frazione di un Comune italiano rimasta letteralmente 'in silenzio', in cui da più di un anno non funzionano i telefoni. Una situazione a metà tra il tragico e l'assurdo che avviene nel chiostro tra i monti dove è situata l'Abbadia Sant’Alberto, una frazione del comune di Ponte Nizza, in provincia di Pavia, dove i telefoni fissi hanno smesso di squillare e la copertura dei cellulari è quasi inesistente. Un isolamento in cui sono costrette a vivere decine di famiglie, oltre che i frati dell’eremo di Sant’Alberto di Butrio, dall'11 dicembre del 2017, quando una violenta ondata di maltempo provocò danni per 4 milioni di euro in tutta la zona, con gli alberi che hanno tranciato le linee telefoniche e distrutto la centralina della Telecom.

I telefoni sono tutti muti, ma gli abitanti continuano a pagare il canone. Una condizione assurda, come raccontato al Corriere della Sera da una coppia di 80enni: “Per parlare con i nostri figli dobbiamo aspettare che vengano a trovarci”. La rete telefonica è gestita da Telecom, ma nonostante le richieste dei residenti di ripristinare il servizio e i tentativi del sindaco Tino Pernigotti, il disagio continua a non trovare soluzione e diventa sempre più preoccupante con l'avanzare della stagione invernale.

“Da un anno i telefoni non suonano e sono saltate decine di visite guidate – ha dichiarato uno dei frati al CorSera - Il turismo è l’anima dell’eremo, fondamentale per poterlo mantenere. Ogni anno riceviamo oltre 2 mila persone”. Un problema che per  l'eremo di Sant’Alberto di Butrio si è ripercosso anche sulle attività artigianali dei frati: “Ci auguriamo che presto tutto si sistemi. Vogliamo essere ottimisti, anche se a dire il vero fanno meno fatica a comunicare i nostri missionari in Africa”.

Fonte: Corriere della Sera →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il paese italiano rimasto 'in silenzio': “Da un anno non funzionano i telefoni”

Today è in caricamento