Martedì, 15 Giugno 2021

Porta a Porta, duello tra diete con polemica: "Pubblicità gratis e incompetenza"

Il Fatto Alimentare critica la puntata del programma di Bruno Vespa dedicata al confronto tra dieta Zona e dieta Mediterranea: affrontare temi come obesità e alimentazione invece significa "trattare di medicina e terapia"

Portare in tv argomenti come alimentazione e obesità "significa parlare di medicina e terapia" e come tali vanno trattate, "non alla stregua del gossip", denuncia Il Fatto Alimentare, criticando l'ultima puntata stagionale di "Porta a Porta" dedicata al duello tra dieta Zona e dieta Mediterranea. 

La sfida era simboleggiata da Simonetta Matone e Simona Izzo, che per cinquanta giorni hanno seguito le due diete, sfidandosi a colpi di chili persi. In studio anche il nutrizionista Giorgio Calabrese, l'inventore della dieta Zona Barry Sears e Gianluca Mech, inventore della Tisanoreica, con Valeria Marini testimonial.

Ma la puntata non è piaciuta a Il Fatto Alimentare, che ha accusato il programma di aver dato un messaggio sbagliato al telespettatore italiano, parlando di un "gran minestrone di direttive interessate da un lato (Sears e Mech) e opinioni non competenti dall’altro (Marini, Izzo, Matone, Vespa)". 

Il messaggio finale è che la dieta Zona o Tisanoreica si possono considerare opzioni alternative a un trattamento convenzionale dell’obesità, ma non è così. Programmi di intrattenimento che affrontano con leggerezza il problema dell’eccesso di peso e delle diete alla moda sono sempre graditi dal pubblico e quindi ricorrenti in televisione. Nel corso degli anni, diversi presentatori si sono prodigati nel portare alla ribalta personaggi che avrebbero invece dovuto rimanere nell’oblio

Il Fatto Alimentare invoca la necessità di avere giornalisti con "una competenza specifica nel trattare argomenti di carattere scientifico" (l'esempio è il sempreverde Piero Angela, visto come la "figura adeguata, dato che comunicare la scienza è il suo lavoro"), mentre "un presentatore generalista che tratta di costume, politica e gossip difficilmente può gestire argomenti di carattere sanitario, soprattutto se dà la parola a chi dietro all’argomento nasconde forti interessi". 

Come è finita la puntata?

Senza alcuna validità scientifica, la dieta Mediterranea ha vinto contro la dieta Zona, dato che in cinquanta giorni Simonetta Matone ha perso più peso di Simona Izzo. Chissà cosa ne direbbe Piero Angela.

Fonte: Il Fatto Alimentare →

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta a Porta, duello tra diete con polemica: "Pubblicità gratis e incompetenza"

Today è in caricamento