rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021

"La portaerei Cavour sta per andare in Africa a vendere armi a paesi in guerra"

E' imminente la missione di cinque mesi del gruppo navale in 13 paesi africani e del Golfo Persico

Sel presenta un'interrogazione parlamentare per denunciare: "La portaerei Cavour va in Africa a vendere armi anche a paesi in guerra".

E' imminente la missione di cinque mesi del gruppo navale in 13 paesi africani e del Golfo Persico. Si parte il 13 novembre. A bordo è prevista una fiera, in parte finanziata dallo Stato, per promuovere le "eccellenze italiane", ma il grosso dei prodotti sono per uso militare, inclusi sistemi d'armamento e missili di nuova generazione.

"La crociera - scrivono i deputati in una nota congiunta - prevede un costo complessivo di 20 milioni di euro di cui, pare, 13 coperti dagli sponsor commerciali e 7 a carico dello stato". Il viaggio ha anche un nome: "Sistema paese in movimento".

La portaerei Cavour si trasformerà parzialmente in spazio espositivo itinerante per la mostra dei propri prodotti da parte di alcune aziende come Beretta, gruppo Ferretti, Blackshape, Ferrero, Federlegno Arredo, Elettronica, Intermarine, Mermec Group, Pirelli e Finmeccanica".

La portaerei toccherà 13 paesi africani e 7 del Golfo Persico. Saranno presentati sistemi missilistici all'avanguardia e armi di altro genere.

Nell'interrogazione si nota come "alcuni dei paesi toccati dalla crociera del gruppo navale Cavour sono senza una democrazia parlamentare o caratterizzati da regimi autoritari, e in alcuni di questi sono in corso conflitti armati".

Scrive Repubblica:

Sel chiede dunque al governo "se ritenga idoneo l'utilizzo di un gruppo navale della nostra flotta militare per scopi di natura commerciale, relativamente a prodotti di natura bellica; se il governo, in una fase come questa caratterizzata da considerevoli tagli alla spesa pubblica, ritenga corretta la scelta di utilizzare ingenti risorse del bilancio dello stato per un'iniziativa con tali caratteristiche; se si consideri legittima e opportuna la scelta di andare a vendere armamenti a paesi governati da regimi non democratici e/o con conflitti interni in corso, utilizzando peraltro strutture dello stato italiano."

Fonte: La Repubblica →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La portaerei Cavour sta per andare in Africa a vendere armi a paesi in guerra"

Today è in caricamento