In 14 positivi dopo le vacanze: "Per mia madre sono un'incosciente, ma non ho fatto nulla di illegale"

La testimonianza di una 26enne di Milano al 'Corsera': "Col senno di poi avremmo dovuto usare di più la mascherina. Ma è sbagliato puntare il dito contro i ragazzi"

Foto di repertorio

"Non abbiamo fatto nulla di illegale, non puntate il dito solo contro noi ragazzi". Lo dice al 'Corriere della Sera' una 26enne di Milano risultata positiva al Covid dopo essere tornata da una vacanza in Sardegna. Un viaggio organizzato con altri tredici amici, tutti di età compresa tra i 25 e i 27 anni che vivono tra Roma e il nord Italia. E che ora sono tutti positivi. "Non volevamo certo finisse così questa vacanza" dice la giovane che abita in centro a Milano e ha la fortuna di poter fare la quarantena da sola, senza correre il rischio di infettare i familiari. "Molti di noi, positivi, in discoteca non ci sono neanche mai andati, eppure…". 

"Le mascherine? Col senno di poi avremmo dovuto usarle di più"

La ragazza ammette che non tutti nella comitiva hanno preso le dovute precauzioni per evitare di contagiarsi. "Con il senno di poi avremmo dovuto stare più attenti ed evitare di andare a ballare nonostante fosse consentito" e anche la mascherina "avremmo dovuto usarla di più. Però non ci sentiamo di autocrocifiggerci". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Positiva al Covid dopo le vacanze: "Un errore riaprire le discoteche"

Non ci sta a passare come untrice, anche se è così, dice, che oggi la società considera i ragazzi. Come tanti giovani (e meno giovani), durante il lockdown la 26enne ha rispettato alla lettera le misure anti-Covid. E ora che le restrizioni sono finite da un pezzo, dice, non è giusto prendersela solo con un pezzo di società. L’errore, semmai, argomenta la giovane, è stato quello di riaprirle, le discoteche, ben sapendo che "andare a ballare distanziati è impossibile. Lo dico io che non ho rinunciato a una festa. Ma se ci hanno permesso di tornare in pista, perché non avremmo dovuto farlo?". Sua madre però, confessa la 26enne, non la pensa come lei: "Mi ha detto che sono un’incosciente, che c’era da aspettarselo che sarebbe finita così". 

Fonte: Corriere della Sera →

In Evidenza

Più letti della settimana

Potrebbe interessarti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento