Lunedì, 21 Giugno 2021

Il virologo Pregliasco: "Senza tracciamento ci sarà la quarta ondata"

"A forza di riaperture ora c’è la possibilità di un colpo di coda del virus". E per togliere la mascherina all'aperto sarebbe meglio aspettare che si raggiunga il 50% di vaccinati con due dosi.

Se la situazione epidemiologica è in continuo miglioramento (ieri meno di tremila nuovi casi) non possiamo dimenticare che questo è il risultato di mesi di sacrifici, chiusure e zone rosse. "E a forza di riaperture ora c’è la possibilità di un colpo di coda del virus": questo il monito di Fabrizio Pregliasco, ricercatore di Virologia all’Università Statale di Milano e direttore sanitario dell’Ospedale Galeazzi.

La possibile quarta ondata

Per il virologo il problema sono i positivi ancora in giro, accertati sono 240mila, ma potrebbero essere anche il doppio. "Mezzo milione di infetti continuano a rappresentare un pericolo per chi non è ancora vaccinato e, in ogni caso, mantengono alta la catena dei contagi".

In un’intervista a La Stampa, Pregliasco spiega allora che il colpo di coda del virus deriva dalla coesistenza con lo stesso, perché "pian piano il contagio si diffonde anche se la vita all’aria aperta ci difende di più".

"Sarebbe importante in questa fase rilanciare il tracciamento per contrastare e monitorare meglio la diffusione del virus"

Maggiori aperture sì, ma senza abbassare la guardia: per Pregliasco per togliere la mascherina all'aperto sarebbe meglio aspettare che si raggiunga il 50% di vaccinati con due dosi.

Fonte: lastampa →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il virologo Pregliasco: "Senza tracciamento ci sarà la quarta ondata"

Today è in caricamento