rotate-mobile
Giovedì, 9 Febbraio 2023

Politica estera, il programma del M5s: "Se vinciamo via dall'Afghanistan"

Né con Putin, né contro Putin. A favore dell'Onu, ma critici verso la Nato (e l'Occidente): le linee programmatiche del M5S riecheggiano il sogno di una sorta di "terzismo" in netta discontinuità con le "posizioni filoamericane" dell'Europa

Né con la Russia, né contro la Russia. A favore dell'Onu, ma critici verso la Nato che va riformata in maniera profonda. Di sicuro contro una Europa "del tutto schiacciata su posizioni filoamericane". Ma prima di tutto va chiarito un punto. Il Movimento 5 stelle non è un partito filo-Putin. Attorno a questa insistita, ripetuta rivendicazione di autonomia dalle influenze e dalle simpatie esterne (anche nei confronti di Donald Trump) si è svolta alla Camera la conferenza stampa per la presentazione del programma elettorale sulla politica estera della principale forza dell’opposizione parlamentare.

In materia di politica estera - scrive Askanews -, gli attivisti "certificati" hanno potuto votare una gerarchia di priorità, ma i contenuti sono stati formulati attraverso un lavoro che ha lasciato poco spazio alla fantasia collettiva della "base". Le linee programmatiche del M5S, condensate in dieci punti e fondate, rivendica Di Battista, sul concetto di "sovranità" riecheggiano il sogno di una sorta di "terzismo" europeo.

Multilateralismo, cooperazione internazionale, rifiuto della guerra e delle missioni militari ad eccezione delle truppe di interposizione Onu. Tradotto in termini di missioni italiane all’estero: Libano sì, Afghanistan no. "Ritireremo le truppe quando saremo al governo", ribadisce Di Battista. "La più grande rivoluzione in politica estera - sostiene Di Stefano - oggi è osservare in modo pedissequo e preciso la carta delle Nazioni Unite".

IL RIPUDIO DELLA GUERRA E LE CRITICHE ALL'OCCIDENTE

Netto anche il messaggio sui diritti umani, da non difendere "a giorni alterni": ne deriva una dura presa di posizione, in netta discontinuità con la tradizionale linea soft delle cancellerie occidentali, sull’Arabia Saudita "che - ricorda Spadoni - sta bombardando lo Yemen da due anni".

Il ripudio della guerra, nel documento in dieci punti che riassume le posizioni del movimento, è al secondo posto dopo la sovranità "Iraq, Somalia, ex Jugoslavia, Afghanistan, Iraq bis, Libia, Ucraina, Siria. L’elenco dei Paesi distrutti dall’unilateralismo occidentale potrebbe essere molto più lungo", si legge. "E’ avvilente - spiega Di Battista - che per qualcuno parlare di pace, disarmo, rispetto dell’articolo 11 della Costituzione, sia utopia. Come se potessero governare solo quelli che parlano di guerre, di interventi armati e prove muscolari".

LA RIFORMA DELLA NATO

Da qui discende anche la richiesta di una "riforma" della Nato, i cui contorni non sono troppo definiti.

"Rivedere le modalità di ingaggio, le modalità di interlocuzione, renderle più moderne, per permettere a una Nato migliore di poter affrontare in maniera concreta e moderna le realtà geopolitiche degli ultimi tempi", è la spiegazione di Lucidi. Nel documento programmatico, si annuncia un preavviso di sfratto per i bombardieri atomici statunitensi. "Consideriamo, inoltre, il nostro territorio indisponibile per il deposito e il transito di armi nucleari", si legge.

LA POSIZIONE SULL'UE

Quanto all’Unione europea, "si sta smantellando da sola" a giudizio di Di Battista, che ricorda come le istituzioni comunitarie "non coincidono per forza con l’unione monetaria". E comunque critica una "Ue del tutto schiacciata su posizioni filoamericane". Il Movimento 5 stelle critica la politica estera italiana ed europea, rivendica il no alle sanzioni alla Russia e accusa: "Non parliamo con i Brics (Brasile Russia India Cina e Sudafrica, ndr) che rappresentano cinque miliardi su sette totali della popolazione mondiale".

UNA LINEA NON UNIVOCA

Anche sul terrorismo "serve una cooperazione reale delle intelligence, c’è il problema di come farle cooperare senza violazioni reciproche, ma la Russia è un partner in questo campo". In definitiva, se in altri campi - come le politiche economiche e quelle del lavoro - non è facile leggere una linea univoca nelle proposte del M5S, sula politica estera il programma illustrato oggi sembra collocare la creatura di Beppe Grillo in una scelta di netta discontinuità rispetto alla tradizione di rigida fedeltà atlantista dell’Italia. Fino a che punto questa petizione di principio sia in concreto realizzabile, sarà misurabile solo nell’eventualità che i 5 stelle abbiano in futuro un effettivo ruolo di governo.
 

Fonte: Askanews →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Politica estera, il programma del M5s: "Se vinciamo via dall'Afghanistan"

Today è in caricamento