Sabato, 6 Marzo 2021

Pensioni, perché si rischia di lavorare fino ai 70 anni (o anche di più)

Dal 2019 scatta il nuovo meccanismo di calcolo dell’età pensionabile. L'infografica di Money.it

Come previsto dalla Legge Fornero, dal prossimo 1° gennaio 2019 prenderà il via in maniera ufficiale il nuovo meccanismo di calcolo dell’età pensionabile, la quale sarà adeguata ogni due anni con le aspettative di vita. In sostanza, più aumenta la speranza di vita in Italia, maggiore sarà il tempo che dovremo passare al lavoro per poter andare in pensione. Sulla base delle rilevazioni dell'Istat, Money.it ha tracciato un percorso che indica l'età in cui sarà possibile andare in pensione da qui ai prossimi 50 anni. 

Quando andrò in pensione? Come calcolare l'età pensionabile

Ecco i principali punti emersi:

  • l’età anagrafica per la pensione verrà aumentata di 3 mesi, mentre il requisito contributivo per la pensione anticipata (Quota 41 compresa) sarà incrementato di 5 mesi;
  • l’età pensionabile aumenterà fino a 67 anni (71 anni per la pensione di vecchiaia contributiva), o in alternativa bisognerà lavorare per 43 anni e 3 mesi (se uomini) o per 42 anni e 3 mesi (se donne);
  • tra due anni l’Istat potrebbe rilevare un nuovo innalzamento delle aspettative di vita e di conseguenza l’età pensionabile aumenterà ancora;
  • chi inizia a lavorare oggi andrà in pensione ad (almeno) 70 anni.

Pensioni, dagli importi all'età: cosa cambierà nel 2019

Come detto, il progressivo innalzamento dell’età pensionabile vivrà una prima fase nel 2019, quando l’età pensionabile passerà a 67 anni per tutti. Nel 2021 poi ci dovrebbe essere un ulteriore incremento fino a 67 anni e 3 mesi. Da quel momento in poi secondo le stime ci potrebbe essere un innalzamento di 2 mesi ogni 2 anni per adeguarsi all’aspettativa di vita. Se le previsioni dell’Istat si riveleranno corrette, in futuro si vivrà per più anni, ma questi dovranno essere spesi lavorando. Volendo fare un esempio, prendiamo il caso di un giovane nato nel 1998, che in questi mesi ha compiuto 20 anni e quindi si trova nell’età lavorativa. Questo per andare in pensione dovrebbe attendere fino ai 71 anni e 3 mesi (come dimostra l'nfografica dove sono indicati tutti i prossimi adeguamenti con le aspettative di vita) e quindi dovrà aspettare il 2069 per smettere di lavorare.

Pensioni, in attesa della riforma ecco come calcolare l'assegno: data e importo

Chi inizia a lavorare oggi, quindi, rischia concretamente di andare in pensione ad un’età superiore ai 70 anni, lavorando per quasi 50 anni.

Fonte: Money.it →

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pensioni, perché si rischia di lavorare fino ai 70 anni (o anche di più)

Today è in caricamento