Martedì, 22 Giugno 2021
La tragedia / Regno Unito

La kick boxer sbranata da un cane da salvataggio

La 20enne Keira Ladlow è stata azzannata senza motivo dall'animale nella sua abitazione. Quando sono arrivati i soccorsi era troppo tardi

Morire a 20 anni sbranata da un cane che vive nella tua stessa abitazione. È questo il destino a cui è andata incontro Keira Ladlow, una 20enne di Birmingham che è morta a seguito delle ferite provocatele dal suo cane. I fatti si sono verificati intorno alle 14 di venerdì. Quando sono arrivati sul posto i soccorsi non hanno potuto fare altro che dichiararne il decesso. Troppo gravi le ferite infertele dal cane da salvataggio che viveva con loro. Ad allertare i soccorsi sono stati i vicini che hanno sentito le sue urla dall'esterno dell'abitazione. Insieme alla richiesta d'aiuto della giovane si sentivano incessanti anche gli spaventosi latrati del cane. Un animale di grossa taglia che è stato necessario sedare prima di riuscire a intervenire e provare a curare la 20enne.

Il cane usato in operazioni di salvataggio 

La paura dell'animale ha fatto cadere nel vuoto le richieste d'aiuto di Keira che è morta poco dopo sul posto. Eppure fino a poche ore prima quell'animale sembrava solo un grosso cagnolone che aveva aiutato tante persone in operazioni di soccorso e salvataggio. Fino alla tragedia nella di Kitts Green che al momento resta senza una spiegazione logica. Un raptus che non si capisce da cosa sia stato scatenato ma che ha trasformato l'animale in una belva. Uno dei vicini sentiti sul posto ha commentato: “Le urla erano estremamente forti. Potevamo anche sentire un cane in casa che abbaiava incredibilmente forte. Era costante. La ragazza è stata ferita gravemente. È stato orribile. È straziante. La sua famiglia è completamente devastata”. Chi dei suoi familiari che ha visto il suo corpo è rimasto scioccato dalle condizioni in cui era stato ridotto.

La ricostruzione della polizia 

Dell'incidente ha parlato un portavoce della polizia delle West Midlands che ha dichiarato: “Nessun altro era nella proprietà in quel momento. Il cane di famiglia è una croce dello Staffordshire per le operazioni di salvataggio. Verrà abbattuto umanamente. La morte viene trattata come un tragico incidente, ma senza circostanze sospette. A tempo debito verrà preparato un fascicolo per il medico legale”. Chiara purtroppo la dinamica dei fatti e gli investigatori dovranno stabilire solo l'esatta causa del decesso. Commossi i ricordi dei vicini e di chi la conosceva. In molti la ritenevano una ragazza gentile e premurosa. La 20enne era un'atleta appassionata di kick boxing. Frequentava la palestra locale “Force one” di Yardley, vicino Birmingham.

Il ricordo degli amici 

“È andata nella stessa palestra di mia figlia che è un paio d'anni più giovane di lei. Non la vedevo da anni ma ricordo che era una ragazza adorabile. Era gentile, premurosa e una ragazza davvero simpatica. È orribile che sia morta in questo modo” ha commentato una donna del posto. Così come un vicino che la ricorda con una “ragazza impegnata e brava”. Anche sui social sono arrivati i ricordi di parenti e amici. È il caso, per esempio, di Maggie Moss, un'amica di famiglia. La donna ha scritto un post su Facebook con il quale ha ricordato la 20enne vittima di questa tragedia. “Rip Keira Ladlow. I pensieri vanno alla tua famiglia in questo momento triste che dio vi benedica”. Lo stesso hanno fatto anche i membri della palestra che frequentava. In molti hanno ricordato la sua passione per lo sport. E poi c'è chi come Luke Beale ha voluto lasciare un messaggio semplice ma significativo. "Keira Force one per sempre".

Fonte: The Sun →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La kick boxer sbranata da un cane da salvataggio

Today è in caricamento