Domenica, 1 Agosto 2021

La ragnatela delle piante intossica bimbi e animali domestici: "Fate attenzione"

Le temperature molto alte per la stagione hanno spinto la processionaria a uscire dai nidi molto prima del previsto, spiega la Stampa. A rischio soprattutto bimbi e animali domestici

Nido di processionaria

La processionaria è una larva, anche chiamata "gatta pelosa", che costruisce grossi nidi bianchi sugli alberi. Simili a "ragnatele", sono pericolosi. I bruchi della processionaria inoltre sono ricoperti di una fitta peluria sericea altamente urticante. Dalla Valle d’Aosta alla Liguria, sono in netto aumento le segnalazioni di persone intossicate. Le temperature molto alte per la stagione hanno spinto la processionaria a uscire dai nidi molto prima del previsto.

Sui pini durante l'inverno creano grossi nidi, simili a bozzoli di ragnatele, che contano centinaia di “abitanti”. E' stata chiamata "processionaria" perché questi bruchi creano lunghissime colonne di individui in fila indiana, esattamente come in una processione. Il caldo anomalo ha fatto riprodurre la processionaria in modo esponenziale. A rischiare sono soprattutto bimbi e animali domestici, che si trovano a giocare con i piccoli bruchetti: le conseguenze sono prurito e irritazione, il più delle volte.  

I danni provocati dalla penetrazione dei peli nella pelle umana sono modesti, il fastidio dell’eritema papuloso, fortemente pruriginoso, scompare solo dopo qualche giorno, ma se per caso questi peli o anche solo dei frammenti di essi, giungono a contatto con l’occhio, la mucosa nasale, la bocca o peggio ancora, se penetrano nelle vie respiratorie e digestive, i danni possono essere davvero gravi. 

Fonte: La Stampa →
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La ragnatela delle piante intossica bimbi e animali domestici: "Fate attenzione"

Today è in caricamento