Giovedì, 23 Settembre 2021

Renzi: "L'economia va su, le tasse giù. Nel 2016 i diritti civili"

Il premier traccia il bilancio del 2015: "L'Italia non è più nelle secche". E detta l'agenda dei prossimi impegni: ius soli e unioni omosessuali

"Un anno fa si diceva a mezza voce che non avremmo mai eliminato la componente costo del lavoro dall'Irap e che sarebbe stato impossibile ottenere la copertura per gli 80 euro. Adesso non solo abbiamo confermato queste voci di bilancio, ma abbiamo anche eliminato le tasse sulla prima casa, le tasse agricole e gli 80 euro sono anche per tutte le forze dell'ordine. L'economia torna su, le tasse vanno giù".

Lo scrive il presidente del Consiglio Matteo Renzi, in una e-news in cui traccia un bilancio del 2015. "Anno - scrive - che ha visto l'approvazione di leggi attese da molto tempo. E spesso passate sotto silenzio. Dall'articolo 18 alla legge elettorale, dalla tassa sulla prima casa all'Expo, dalla flessibilità al bicameralismo paritario".

DIRITTI CIVILI - Renzi traccia poi l'agenda per il 2016:  "Siamo ancora in pista per i diritti civili (ius soli, civil partnership, servizio civile e terzo settore), per i decreti legislativi di attuazione alla riforme della Pubblica Amministrazione e della scuole, per le misure di sostegno al credito", sottolinea Renzi segnalando i prossimi impegni del governo.

Dal punto di vista economico, ricorda ancora il premier, "quest'anno abbiamo cambiato verso: segno più. Più 0,8%. Un anno fa dicevano che non avremmo mai realizzato il JobsAct. Quest'anno il JobsAct è legge". "La verità - conclude Renzi - è che l'Italia non è più incagliata nelle secche, che la svolta in questo 2015 c'è stata (...). E che c'è tanta fame di Italia nel mondo. Dovremo rendere sempre più semplice questo nostro bellissimo Paese. E vedrete che a quel punto non ce ne sarà per nessuno".

Fonte: matteorenzi.it →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Renzi: "L'economia va su, le tasse giù. Nel 2016 i diritti civili"

Today è in caricamento