Lunedì, 20 Settembre 2021

Il sacrestano è musulmano: "Grazie dell'opportunità. Prego Allah e rispetto Gesù"

Ci troviamo nel pieno centro di Verona, dietro piazza Bra. Rida, 34 anni, il nuovo sacrestano, ha accettato con gioia questa nuova possibilità che gli è stata fornita. E la sua fede non è assolutamente un ostacolo

Nella chiesa di san Niccolò a Verona il sacrestano è un musulmano.

Come racconta il Corriere del Veneto, un uomo di 24 anni ha accettato il posto (un tirocinio in affidamento) dopo aver passato cinque anni in carcere per scontare la sua pena ("Tanti, tantissimi sbagli, ma dai, non parliamone").

Ci troviamo nel pieno centro di Verona, dietro piazza Bra. Rida, 34 anni, il nuovo sacrestano, ha accettato con gioia questa nuova possibilità che gli è stata fornita. E la sua fede non è assolutamente un ostacolo.

Al Corriere del Veneto Rida racconta che la sua fede non è certo un problema: "Che si preghi Gesù, Allah o Budda, sempre un Dio si segue e si rispetta. In modi diversi". Anche nella parrocchia dove fa il "tirocinio"  l'uomo può fare il Ramadan ("Faccio le 5 Salat quotidiane rivolte alla Mecca nei limiti del possibile e degli impegni che ho").

Rida a San Nicolo' si trova bene, essere a servizio di don Marco e don Roberto non gli pesa per nulla, anzi si sente gratificato per il suo incarico che svolge in maniera certosina. Che sia la lucidatura del legno dei banchi o la "difesa" delle cassette delle offerte e degli oggetti sacri della chiesa o nell'accogliere le persone disagiate che si presentano per ottenere qualcosa.
 
I volontari del progetto Esodo, che lo seguono e si occupano proprio del reinserimento lavorativo e sociale degli ex detenuti, in questi giorni «pressano» con affetto il ragazzo: si avvicina la scadenza del tirocinio e si avvicina pure la scadenza della pena, lui ora deve decidere cosa fare.

«A San Nicolò sto bene, spero di proseguire qui - sottolinea al Corriere del Veneto -, ma devo essere di nuovo sincero e dire a voi quello che ripeto agli operatori: in questi anni mi sono abituato a vivere il presente, ho qualche difficoltà a pensare al futuro, non mi espongo nei progetti. Vuoi sapere il motivo? In realtà è solo paura di starci male. Ecco, ora l’ho detto».

Fonte: Corriere del Veneto →
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sacrestano è musulmano: "Grazie dell'opportunità. Prego Allah e rispetto Gesù"

Today è in caricamento